Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Monete dimezzate

Monete dimezzate

Le “monete dimezzate”

La diffusione dell’abitudine di dimezzare le monete è attestata particolarmente nella Gallia meridionale, lungo il Reno e nel Lazio, nell’arco di tutto il I secolo a.C. con un massimo del fenomeno tra la fine della Repubblica e il principato di Augusto. Sarà proprio Augusto a risolvere il problema nella penisola italiana mentre all’estero questa pratica si protrarrà ancora durante il I secolo d.C. (1)

Alcune monete rinvenute a Nemausus, coniate tra il 25 e il 10 a.C., erano dimezzate in un terzo dei casi e la pratica perdurò fino all’impero di Traiano. (2)

La moneta da dimezzare veniva segnata lungo il segmento diametrale da un’incisione praticata col bulino o con altri strumenti metallici. In alcuni rinvenimenti si osservano tracce delle incisioni; talvolta il dimezzamento era doppio e la moneta veniva tagliata in quattro parti. (3)

Il significato del dimezzamento delle monete, protrattosi anche nel medioevo e fino al XIX secolo (4), rimane incerto: esigenze di disponibilità monetale avrebbero portato i compratori del I secolo a.C. a ridurre il valore dei conii (in particolare dell’asse in semisse); un segno di sfregio all’effigie di un imperatore poteva essere alla base del taglio di una moneta che recava l’immagine del suo viso (segato a metà); il possesso di una metà della stessa moneta può anche essere interpretato come pegno di ospitalità, di legame, di osservazione di un patto. (5)

Foto di apertura: Assi da Bedriacum (Cr) dimezzati nel I secolo a.C. (da users.unimi.itcalvbedrimagesassi.jpg)

Monete dimezzate
Mezza moneta romana (da http://www.lamoneta.it/topic/28564-monete-tagliate/)

Note

  • (1) CESANO 1915, pp. 30-35; ARSLAN 2005, p. 66.
  • (2) GEISER, MÜHLEMANN 1999, p. 308.
  • (3) SERAFIN 2004, pp. 3, 6.
  • (4) SERAFIN 2004, p. 6.
  • (5) Ibidem.

Bibliografia

  • ARSLAN E. 2005, La numismatica antica. Bologna.
  • CESANO S. L. 1915, Contributo allo studio delle monete antiche dimezzate. Ripostiglio di Terni, in “RIN” n. XXVIII, Milano, pp. 11-38.
  • GEISER A., MÜHLEMANN Y. 1999, Les monnaies, in LUGINBÜHL T., SCHNEITER A. 1999, La fouille de Vidy «Chavannes 11», 1989-1990: trois siècles d’histoire à Lousonna. Cahiers d’archéologie romande, 1999. Lausanne, pp. 299-326.
  • SERAFIN P. 2004, Un caso romano: i recuperi del Tevere e le monete dimezzate. Roma.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*