Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Oratori greci e romani

Persuadere, affascinare, stupire, convincere sono, da sempre, gli scopi dell’arte oratoria, sviluppatasi in Grecia nel V° secolo in seno al movimento della Sofistica e, successivamente, affermatasi in ambito romano. L’oratoria consiste nell’applicazione pratica dei princìpi teorizzati dalla retorica, il complesso delle tecniche del “parlare bene”, finalizzate all’esposizione chiara di un argomento così da ottenere l’assenso da parte dell’uditore.

Qui di seguito vengono proposti, sia pure in modo sintetico, i profili di alcuni tra i più importanti oratori e rétori greci e romani: è importante rilevare sin d’ora che, a differenza di quanto accaduto nei secoli successivi alla fine dell’impero romano, anche se le prime avvisaglie del mutamento sono riscontrabili già nella tarda età imperiale, l’oratoria e la tecnica retorica venivano poste nell’antichità al servizio privilegiato della politica: l’arte del “ben dire” era oggetto di studio da parte di coloro che intendevano farsi strada in campo politico, conquistandosi approvazione, fama e prestigio. In epoca successiva, in particolare con l’affermazione del cristianesimo, gli scopi e le tecniche argomentative della disciplina retorica furono applicati alla predicazione ecclesiastica.

Sapersi esprimere in modo corretto ed avvicente è, dunque, un’abilità fondamentale per esercitare influenza, affermare la propria personalità, plasmare opinioni e mentalità. In definitiva, un vero e proprio strumento di potere.

Principali oratori greci e romani

  • Anassimene di Lampsaco
  • Callicle
  • Catone (Marco Porcio)
  • Cicerone (Marco Tullio)
  • Demetrio Falereo
  • Demostene
  • Dionigi di Alicarnasso
  • Eschine
  • Gorgia
  • Isocrate
  • Lisia
  • Marco Cornelio Frontone
  • Protagora

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*