Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Panarea. Le foto del relitto di epoca romana

Panarea. Individuato un relitto di epoca romana

Trasportava anfore ricolme di frutta secca ed era al servizio della civitas, il relitto di epoca romana scoperto a più di cento metri di profondità, sui fondali di Panarea. Il clamoroso ritrovamento archeologico è stato presentato in questi giorni alla Soprintendenza del Mare a Palermo da Gaetano Armao, Assessore regionale dei Beni Culturali e dell’Identità siciliana, e da Sebastiano Tusa, Soprintendente del Mare. La scoperta è stata effettuata grazie all’intensa e produttiva collaborazione avviata alcuni anni fa tra la Soprintendenza del Mare, l’Istituto Superiore per la protezione e la ricerca ambientale afferente al Ministero dell’Ambiente e la fondazione statunitense Aurora Trust.

Il progetto, avviato nel 2009, rappresenta un notevole progresso nel campo della ricerca archeologica subacquea perché per la prima volta sono state impiegate strumentazioni tecnologiche innovative. Grazie allo strumento robotizzato dotato di fari illuminatori, telecamere e propulsori ad elica e chiamato Rov, si sono potute ottenere immagini nitide dell’imbarcazione e del suo carico nonostante la profondità del fondale.

Il relitto risale al primo secolo dopo Cristo e custodiva un centinaio di anfore, utilizzate per trasportare frutta secca. Le anfore oggi sono disposte in una posizione diversa rispetto a quella originale: questo indica che la nave scivolando, si è appoggiata su un fianco. La precisa natura del carico è stata stabilita prelevando un’anfora sulla quale verranno effettuati accertamenti tipologici e merceologici. Ad una prima occhiata si può ipotizzare che fosse un’imbarcazione annonaria al servizio di Roma e che percorresse le rotte nautiche commerciali dell’epoca, come per esempio Milazzo-Roma o Lilibeo-Roma.

Le indagini svolte hanno portato alla scoperta di un secondo relitto, sempre a oltre cento metri di profondità. Le ricognizioni archeologiche sul fondale di Panarea ricominceranno il 15 luglio 2010 per identificare precisamente il relitto e svolgere nuove attività di scavo.

Panarea. Individuato un relitto di epoca romana
L’area di fondale indagata

Panarea. Individuato un relitto di epoca romana
Le anfore riprese dal ROV sul fondale

rov a Panarea
Il ROV sulla nave appoggio

anfora recuperata a panarea
Una delle anfore recuperate


Da sinistra: Tusa, Armao, Andaloro

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*