Come, quando e perché organizzare una fiera all’estero

Un evento fieristico è, per un’azienda che desidera partecipare, un lavoro di grande impegno. Essa, infatti, per poter trarre dei vantaggi concreti deve intraprendere un lavoro certosino nei mesi precedenti all’evento. Questo sottrare tempo ad altre attività e, molte spesso, l’azienda preferisce non partecipare a questi eventi di settore sia per i costi, che per l’iter organizzativo e formativo che deve affrontare.  Avere uno stand in una fiera per l’azienda rappresenta una sfida, nel termine più ampio che esiste. Un insieme di cose da fare e di forti motivazioni che smuovo il meccanismo interno all’azienda e la preparano a fare

Un evento fieristico è, per un’azienda che desidera partecipare, un lavoro di grande impegno. Essa, infatti, per poter trarre dei vantaggi concreti deve intraprendere un lavoro certosino nei mesi precedenti all’evento. Questo sottrare tempo ad altre attività e, molte spesso, l’azienda preferisce non partecipare a questi eventi di settore sia per i costi, che per l’iter organizzativo e formativo che deve affrontare.  Avere uno stand in una fiera per l’azienda rappresenta una sfida, nel termine più ampio che esiste. Un insieme di cose da fare e di forti motivazioni che smuovo il meccanismo interno all’azienda e la preparano a fare il suo “ingresso in società”, mostrandosi, per come è dinnanzi a clienti e concorrenti.

5 consigli per partecipare ad una fiera all’estero senza intoppi

Dopo un’accurata scelta della fiera di settore giusta per il proprio business, il team decisionale di un’azienda deve far fronte a diverse strategie di pianificazione che hanno ben in mente l’unico obiettivo che spinge l’azienda ad essere presente alla fiera. Questo consentirà di evitare giorni in fiera caotici e inconcludenti.

  1. programmare dettagliatamente il contenuto che si vuole mettere in evidenza durante l’evento. Quali prodotti presentare, quelli già di successo o dei nuovi? Come presentarsi? Brochure, stazione interattiva, cataloghi?
  2. Le tempistiche organizzative da rispettare. Prenotazione in tempo dello spazio in fiera, contattando l’ente che la organizza. Preparazione dei materiali e prenotazione del viaggio per gli addetti.
  3. Allestimento dello stand e il suo aspetto meramente logistico: concepire lo stand da realizzare, acquistare i prodotti che servono a realizzarlo e procedere alla costruzione vera e propria in fiera.
  4. Formazione dei collaboratori dell’azienda addetti a partecipare alla fiera.  Il team deve sapere bene cosa fare e cosa no. Deve attirare il cliente in maniera gentile e discreta; saperlo ascoltare e rispondere alle sue necessità, senza troppi tecnicismi che dimostrano quanto ne sappiamo più di lui.
  5. Il rientro e l’elaborazione dati ricevuti dai feedback dei clienti; dal contatto con i prospect e dalle eventuali vendite direttamente ottenute in fiera o subito dopo.

Come creare il proprio stand a Las Vegas

Espandere il proprio business oltre Oceano è possibile, grazie alla partecipazione dell’azienda a fiere e eventi di settore presenti su tutto il territorio. Ad esempio, se si vuole espandere il proprio commercio in USA, il Nevada offre tante opportunità.

Nevada, stato di Las Vegas, città non solo di casinò e divertimento ma anche commercio e affari. Tra le fiere più importanti in questa zona il Ces, fiera di tecnologia; il PPAI, fiera dei prodotti per l’industria; la fiera della caccia e dello sport e quella del settore delle costruzioni e dell’architettura. Se si vuole entrare nel grande business americano creare il proprio stand a Las Vegas  sarà il challenge più arduo che si dovrà affrontare. Lo stand dovrà catturare il pubblico stelle e strisce, fin troppo abituato a grandi fiere e stand spettacolari. Esso dovrà rimanere coerente con l’immagina del brand, con la propria mission e con quello che si va a rappresentare. Se una fiera è un evento difficile da affrontare per un’azienda, il successo per una fiera in USA è costituito anche solo dal fatto di avervi partecipato.

Autore dell'articolo