Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Pompei. Nuova regolamentazione per le guide turistiche

Dal 1 luglio 2010 partirà la razionalizzazione e la riorganizzazione del lavoro delle guide turistiche a Pompei, un provvedimento voluto da Marcello Fiori, Commissario delegato per l’emergenza dell’area archeologica di Napoli e Pompei, per affrontare l’antico problema collegato al decoro del sito e volto al miglioramento dell’accoglienza ai visitatori. 

Il progetto di riorganizzazione vuole migliorare la qualità dei servizi offerti a Pompei e la sua immagine a livello internazionale e premiare la professionalità e la competenza contrastando l’abusivismo e l’improvvisazione. Marcello Fiori ha sottolineato che si volterà definitivamente pagina per il bene di Pompei e per rilanciare una professione fondamentale per la comunicazione con i turisti.

I tre ingressi agli scavi (Porta Anfiteatro, Porta Marina e Piazza Esedra) verranno permanentemente dotati di una postazione con personale dedicato a cui faranno capo solamente le guide autorizzate dalla Regione Campania e di postazioni di attesa per le guide stesse. Le guide dovranno iscriversi tutti i giorni, al momento del loro arrivo, alle tre postazioni degli ingressi, dove verrà rilasciato loro un badge. Ogni postazione raccoglierà le richieste di servizio da parte dei turisti e organizzerà le guide, segnate in ordine di arrivo, che dovranno essere pronte entro quindici minuti dalla chiamata.

L’elenco delle guide iscritte funzionerà a scorrimento giornaliero a partire dall’ultima che ha lavorato il giorno precedente, mentre le guide appena iscritte compariranno in fondo all’elenco. La lista verrà scorsa anche in base alla lingua richiesta dal visitatore al momento della prenotazione. Le tariffe regionali saranno ben evidenziate e le stesse guide saranno riconoscibili al turista tramite il documento identificativo corredato da fotografia che saranno obbligate a esporre. Sono previsti anche questionari di costumer satisfaction per verificare la competenza delle guide e la soddisfazione dei gruppi.

Inoltre, è stato realizzato in collaborazione con le associazioni di categoria un codice deontologico per le guide nel quale è richiesto il rispetto dei turisti, dei gruppi e dei colleghi, oltre che dell’area archeologica. Sarà severamente vietato reclutare clienti nelle zone vicine agli scavi archeologici, parcheggi, bar, chioschi, pena l’esclusione dall’iscrizione giornaliera e la denuncia.

Dopo anni di denuncia sul deterioramento della condizione di Pompei, grazie all’intervento del Commissario Fiori l’Associazione Guide turistiche Campane ha finalmente una regolamentazione che stabilisce regole condivise. In passato si erano fatti numerosi tentativi ma nessuno si era mai assunto questa responsabilità. Il provvedimento del Commissario colma un vuoto di regole durato ventiquattro anni: infatti, l’ultima legge regionale risaliva al 1986. Ora, il servizio al visitatore sarà finalmente riqualificato e migliorerà anche l’immagine della guida turistica, sovente rovinata dal comportamento sconveniente di alcuni elementi.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*