Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Roccapelago di Pievepelago (Mo). Scoperte oltre 100 mummie

L’Appennino modenese svela un centinaio di mummie, ritrovate con vestiti e oggetti personali in una cripta presso la chiesa di San Paolo, a Roccapelago di Pievepelago. I lavori di scavo hanno riportato in luce le vestigia del castello medievale di Obizzo da Montegarullo e sette sepolture multiple, oltre dipinti seicenteschi e una croce processionale duecentesca. Ma soprattutto è stata scoperta una cripta, utilizzata come fossa comune fra il sedicesimo e il diciottesimo secolo, dove le condizioni ambientali hanno permesso la conservazione di un terzo dei corpi della comunità: infatti, su trecento salme un centinaio sono mummificate.

Si tratta di mummie naturali, con pelle e capelli, deposte una sopra all’altra. Al momento della sepoltura, quando vennero avvolte in sudari con medagliette votive, crocifissi addirittura una lettera per attirare la protezione divina, indossavano calze e tuniche. Le mummie sono state trasferite al Laboratorio di Antropologia di Ravenna dove antropologi, archeologi e studiosi di tessuti lavoreranno alla ricostruzione della vita, delle attività, delle cause del decesso, delle caratteristiche genetiche del gruppo e forse dei volti dei defunti.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*