Roma. Gli scavi di Palazzo Valentini diventano mostra permanente

Dal 16 ottobre 2010, gli scavi archeologici di Palazzo Valentini diventano una mostra permanente, che va ad accrescere il patrimonio artistico e storico di Roma con il nuovo sito archeologico delle Domus Romane. Il lavoro di ricerca, riqualificazione e musealizzazione condotto in questi anni grazie a un progetto curato da archeologi, storici dell’arte e architetti, appartenenti all’Amministrazione Provinciale, ha fornito risultati di grande importanza, per la rilevanza rivestita in epoca romana da questa zona e perché i ritrovamenti permettono di ricostruire un pezzetto della topografia antica e medievale di Roma. L’affascinante percorso tra i resti di abitazioni patrizie di epoca

Dal 16 ottobre 2010, gli scavi archeologici di Palazzo Valentini diventano una mostra permanente, che va ad accrescere il patrimonio artistico e storico di Roma con il nuovo sito archeologico delle Domus Romane. Il lavoro di ricerca, riqualificazione e musealizzazione condotto in questi anni grazie a un progetto curato da archeologi, storici dell’arte e architetti, appartenenti all’Amministrazione Provinciale, ha fornito risultati di grande importanza, per la rilevanza rivestita in epoca romana da questa zona e perché i ritrovamenti permettono di ricostruire un pezzetto della topografia antica e medievale di Roma.

L’affascinante percorso tra i resti di abitazioni patrizie di epoca imperiale, appartenenti a ricche famiglie del tempo, forse a senatori, con pareti decorate, mosaici, basolati, pavimenti policromi e altre testimonianze, è integrato da un’opera di valorizzazione curata da Piero Angela e da un team di esperti e di tecnici, come Gaetano Capasso e Paco Lanciano, che hanno riportato in vita le testimonianze del passato per mezzo di filmati, effetti grafici e ricostruzioni virtuali.

Il visitatore vedrà rinascere ambienti, strutture murarie, terme, peristilii, saloni, cucine, decorazioni, arredi, compiendo un percorso virtuale dentro una grande abitazione dell’antica Roma. Il viaggio è completato da un plastico ricostruttivo della zona in epoca romana e delle diverse fasi di Palazzo Valentini, attraverso il quale il visitatore può ricollocarsi nel contesto urbano grazie alle sue molteplici stratificazioni storiche. Un esempio prezioso e unico di come il patrimonio storico-artistico dell’antichità, restituito da un lavoro attento e rigoroso di riqualificazione e restauro, possa essere valorizzato grazie all’impiego delle nuove tecnologie.

Autore dell'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.