Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Roma. Scoperti sei ritratti in marmo raffiguranti membri della famiglia dei Severi

Nuove scoperte archeologiche riemergono dagli scavi di tutela in vista della realizzazione del progetto edilizio”Anagnina 1”, nel decimo municipio. Sono sei sculture di marmo – un busto con ritratto, un ritratto di una donna della famiglia imperiale dei Severi, due busti maschili della medesima famiglia, un statua forse raffigurante Zeus nudo e a grandezza naturale e un ritratto di bambina – di grande importanza artistica e storica, risalenti all’inizio del terzo secolo dopo Cristo, rinvenute in una vasca appartenente a una villa romana sulla via Anagnina.

I ricercatori sottolineano che i busti dell’Anagnina sono state ritrovate in un ambito archeologico che già precedentemente aveva restituito altre sculture pregevoli come una raffinata testa maschile di terracotta di fattura ellenistica, più grossa del naturale, un ritratto maschile del primo secolo dopo Cristo e un rilievo in marmo, rimpiegato nelle murature, rappresentante un Galata morente di un genere iconografico conosciuto grazie ai rilievi pergameni. La collocazione e la destinazione originarie delle sculture sono ipoteticamente ricollegabili alla villa che le ha conservate e che mostra successive fasi edilizie, la più recente della quale risalente al terzo secolo dopo Cristo.

Inoltre, sembra che la scoperta di ritratti raffiguranti personaggi della famiglia imperiale dei Severi lasci intendere che l’ultimo proprietario dell’abitazione possa essere stato un funzionario di rango elevato legato alla famiglia imperiale e la presenza di un mausoleo di età tardo-imperiale vicino all’impianto rafforza questa ipotesi considerata l’abitudine, documentata frequentemente dal II-III secolo dopo Cristo, di seppellire il proprietario vicino alla sua casa.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*