Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Russia. Un grande successo il bilancio dell’archeologia nel 2011

Russia. bilancio dell’archeologia nel 2011

Sono state circa quaranta le grandi missioni archeologiche effettuate in Russia durante l’anno appena trascorso. Gli ambiti di interesse sono stati soprattutto l’Antichità e il Medioevo. Benché essi siano periodi ben documentati, adesso gli esperti dell’ Accademia delle Scienze Russa conoscono meglio l’importanza delle testimonianze materiali per la comprensione del processo storico, che senza l’archeologia sarebbe impossibile comprendere.

I lavori archeologici in Fanagoria – la più importante testimonianza dell’antichità nel Territorio di Krasnodar, nella Russia meridionale – hanno visto la partecipazione di Vladimir Putin, Primo ministro russo, che ha riesumato da fondale marino un’anfora, scoperta nell’area del fondamento di un antico porto. Non distante da Suzdal, invece, i ricercatori hanno individuato un’antica necropoli in cui sono state scoperte delle rare armi da parata, databili all’undicesimo secolo. Inoltre, sono state rinvenute delle croci raffiguranti una primitiva immagine della crocifissione, riferibili alle prime generazioni degli antichi oggetti cristiani russi.

Nel corso degli scavi presso il rinomato sito di Novgorod è stato scoperto un oggetto non solamente raro, ma addirittura unico nel suo genere. È uno strumento a forma di pinza di ferro, impiegato per imprimere sigilli di piombo e chiamato bullotiro. Questo ritrovamento ha suscitato particolarmente l’orgoglio degli esperti, così come l’artefatto emerso durante gli scavi presso il Monastero di Nuova Gerusalemme, vicino a Mosca. Gli archeologi hanno individuato, per la prima volta in Russia, un complesso metallurgico dove venivano fuse le campane, già all’epoca del Patriarca Nikon, che fondò il Monastero nel XVII secolo.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*