Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

San Francesco di Paola

All’intercessione del Fondatore dell’Ordine francesano i pii genitori Giacomo Alessio e Vienna di Fuscaldo attribuirono la nascita del piccolo Francesco, che fu salvato, di nuovo per intervento del Santo assisiate, da una malattia contratta nel periodo neonatale. I segni del destino parevano unanimente convergere verso l’opzione per la vita religiosa: in seguito al voto emesso dal padre e dalla madre per ottenere la guarigione del loro piccolo, Francesco trascorse un periodo di circa un anno presso il convento francescano cosentino di San Marco Argentano, dando già prova di attitudine alla preghiera e alla penitenza.

Il cardine del pensiero di San Francesco di Paola

A chi ama Dio, tutto è possibile”

Ma la sua via era diversa da quella che i suoi congiunti, probabilmente, si aspettavano: Francesco, infatti, non decise di restare nella comunità di San Marco Argentano, ma intraprese con i suoi genitori un provvidenziale viaggio verso Assisi, alla ricerca di un lume chiaro sulla sua autentica vocazione. In territorio spoletino, il giovane venne in contatto con gli eremiti che dimoravano a Monteluco (si veda, al proposito, il link http://www.camminodifrancesco.it/le_tappe_del_cammino/monteluco.php) e, fortemente impressionato dal loro stile di vita, decise, una volta tornato al paese natìo, di ritirarsi anch’egli in un romitaggio, cui si aggiunsero, con l’andar del tempo, altri compagni, desiderosi di condividere il medesimo ideale.

Dopo aver superato un’indagine canonica condotta per ordine del papa, gli “Eremiti di frate Francesco” – così si chiamava il piccolo gruppo di religiosi – furono riconosciuti e approvati dapprima nel 1470 dall’arcivescovo Caracciolo e, successivamente, dal pontefice Sisto IV, sul soglio di Pietro tra 1471 e 1484, che, nel frattempo era succeduto a Paolo II, promotore dell’esame circa i princìpi cui si informava la comunità eremitica del frate di Paola.

Esempio affascinante di dedizione totale a Dio, Francesco, che pure aveva compiuto una scelta estrema di vita orante e penitente, divenne, nel giro di poco tempo, nel suo romitaggio di Paterno Calabro, ricercatissimo punto di riferimento per fedeli di ogni estrazione sociale, desiderosi di entrare in contatto con l’eremita, di avere la sua benedizione e ascoltare i suoi consigli.

Ben presto, non solo gli abitanti delle regioni limitrofe, ma pure il re di Francia Luigi XI, sul trono fra 1461 e 1483, volle avere alla sua corte la taumaturgica presenza di santità del religioso calabrese, il quale, sollecitato dallo stesso papa Sisto IV, si recò in terra d’Oltralpe, attraversando la penisola italiana e facendo tappa sia presso il Regno di Napoli, sia presso la sede pontificia in Roma.

Giunto nel 1483 al capezzale del sovrano francese, ormai moribondo a causa di una grave malattia, da cui egli evidentemente sperava il miracolo della guarigione, Francesco non rientrò più nella sua amata terra di Calabria, ma restò sino alla morte, avvenuta nel 1507, all’inizio della Settimana Santa, presso la corte di Plessis-les-Tours, adoperandosi strenuamente per la delineazione, sempre più precisa, della fisionomia dell’Ordine dei Minimi che, a partire dal piccolo gruppo degli “Eremiti di frate Francesco”, si era ampliato, radunando nuove vocazioni, e ricevette, nel 1496, la definitiva approvazione da Alessandro VI Borgia, sul soglio pontificio dal 1492 al 1503.

Elevato agli onori degli altari dal papa Leone X, dapprima con la beatificazione nel 1513 e poi con la canonizzazione nel 1519, Francesco di Paola fu onorato da subito con culto diffuso in numerose località sia nell’ Italia del Sud, sia in Europa, e nel 1943, proprio nel contesto dei duri anni del secondo conflitto mondiale, fu nominato patrono dei naviganti.

La sua memoria liturgica cade il 2 aprile.

Per approfondire San Francesco di Paola

Siti Internet

Santuario Paola
Sito ufficiale del Santuario cosentino, con amplissima informazione sulla vita di San Francesco, i suoi miracoli e le sue reliquie, nonchè sulle peculiarità artistico-architettoniche della Basilica a lui dedicata, le ceblerazioni liturgiche e le attività dell’Ordine dei Minimi.

San Francesco da Paola
Sito con ampio approfondimento sulla vita del Santo, fotografie del Santuario a lui dedicato e una preziosa pagina sull’Ordine e il carisma dei Minimi.

Ordine dei Minimi
Sito ufficiale dell’Ordine dei Minimi, fondato da san Francesco di Paola, articolato in ampie sezioni relative alla biografia del Fondatore, ai rami maschile e femminile e alle attività dell’Ordine stesso.

Bibliografia

  • Giuseppe M. Perrimezzi, La vita di s. Francesco di Paola (ristampa anastatica), Rubbettino Editore, 1998.
  • Giuseppe Fiorini Morosini, Il carisma penitenziale di s. Francesco di Paola e dell’Ordine dei Minimi, Curia Generalizia dell’Ordine dei Minimi, 2000.
  • Pietro De Leo, Le erbe del Santo. Nell’orto di Francesco di Paola, Rubbettino Editore, 2004.
  • Pietro Addante, San Francesco di Paola, San Paolo Edizioni, 2007.
  • Giuseppe N. Catrambone, Il viaggio incantato di San Francesco di Paola, Ibiskos Editrice Risolo, 2007.
  • Giovanni Sole, Francesco di Paola. Il santo terribile come un leone, Rubbettino Editore, 2007.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*