Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

San Girolamo Emiliani

Girolamo Emiliani era nativo di Venezia dove, in virtù della sua appartenenza ad una famiglia altolocata, mosse i suoi primi passi di giovane uomo nella direzione che maggiormente appariva congeniale alla sua posizione e alle sue prospettive di carriera: la vita dell’uomo d’armi. E le occasioni per mettere a frutto questa sua scelta non mancavano davvero: l’Italia del Cinquecento, infatti, fu teatro di numerosi conflitti che vedevano contrapporsi le repubbliche, i regni e le signorie in cui il territorio della penisola era allora ripartito.

Ma il disegno di Dio sulla sua persona era decisamente diverso. Dopo aver riconosciuto l’intercessione della Madre di Dio nella grazia della liberazione da un duro periodo di prigionia, cui era stato ridotto nel 1511 nel contesto di uno degli scontri armati che opponevano la repubblica marinara di Venezia ai suoi avversari, Girolamo mutò radicalmente l’orientamento della propria vita e iniziò a dispiegare lo zelo che sino ad allora lo aveva contraddistinto nell’arte militare al servizio della causa di Gesù Cristo e del suo Vangelo.

Seguite la via del Crocifisso”: l’esortazione di San Girolamo ai suoi compagni

Al posto dei compagni d’arme, si attorniò di uomini che con lui condividevano l’anelito alla santità mediante la cura e la dedizione nei confronti dei più poveri, di coloro che erano relegati ai margini della società e non avevano prospettive: tra di essi, Girolamo e i suoi collaboratori rivolsero uno sguardo di particolare misericordia ai numerosi fanciulli e ragazzi rimasti soli a causa della perdita del padre o della madre o di entrambi i genitori, impegnandosi ad offrire loro opportunità concrete di speranza e di riscatto umano e sociale. Ma lo zelante Emiliani fu pure artefice di strutture caritative, denominate “Ospedali degli Incurabili”, venivano accolti quanti soffrivano di malattie croniche e senza rimedio, almeno per le risorse e le conoscenze di cui disponeva la scienza medica del tempo.

Attivo nella regione lombarda, che percorse infaticabile per raggiungere luoghi e situazioni ove il suo soccorso si rendeva necessario, Girolamo ebbe la gioia, nel 1540, di vedere la prima approvazione ufficiale della sua scelta di vita da parte dell’autorità papale; se inizialmente l’Emiliani e i suoi seguaci si fecero chiamare con l’eloquente titolo di “Servi dei Poveri”, più tardi, in parallelo con la progressiva elevazione della compagnia a vero e proprio Ordine religioso cattolico, assunsero la denominazione di Chierici Regolari di Somasca, cosiddetti dal nome della località della provincia lecchese ove sorse il loro primo convento. I Padri Somaschi sono tuttora ampiamente diffusi e operanti al servizio dei giovani in vari Paesi del mondo e, sulle orme del loro Fondatore, sono autentici “padri” per tante creature bisognose di amore e di educazione.

Scomparso nel 1537, Girolamo Emiliani venne elevato agli onori degli altari con la beatificazione, nel 1747, da parte dell’allora papa Benedetto XIV, regnante fra 1740 e 1758, e con la successiva canonizzazione da parte di papa Clemente XIII, sul soglio di Pietro fra 1758 e 1769. La sua memoria liturgica ricorre il giorno 8 febbraio.

 

 

 

 

Per approfondire San Girolamo Emiliani

 

 

Siti Internet

 

http://www.somascos.org/somasca/ Sito ufficiale del Santuario intitolato a San Girolamo Emiliani, con utili links relativi alla vita del Santo, ai luoghi che compongono il Sacro Monte a lui dedicato, alla spiritualità propria della Congregazione Somasca.

http://www.somascos.org/italy.htm Sito ufficiale della Congregazione dei Padri Somaschi, che ne descrive la storia, la missione, il carisma, la diffusione nel mondo.

 

 

Bibliografia

  • Mario Vacca, San Girolamo Emiliani: patrono universale degli orfani e della gioventù abbandonata, 1997.

  • “San Girolamo Emiliani (1486-1537)”, in Antonio Maria Sicari, Il secondo grande libro dei ritratti di Santi, Jaca Book, 2006, pp. 277-294.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*