Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

San Pier Damiani

Piero, poi noto come Pier Damiani, non ebbe un’infanzia particolarmente serena, a causa della prematura scomparsa dei genitori e dei difficili rapporti con uno dei suoi numerosi fratelli. Ma, in virtù del sollecito interessamento di un altro dei suoi consanguinei, il fanciullo ebbe modo di staccarsi progressivamente da tale contesto problematico e di inserirsi con grande profitto nelle scuole faentine e parmensi, e, in seguito, di seguire la propria vocazione, abbracciando la vita monastica nell’eremo camaldolese di Fonte Avellana, in territorio marchigiano, di cui divenne ben presto il pastore e che illustrò di fama e prestigio in virtù non solo del suo straordinario zelo per l’osservanza delle Regola monastica, ma anche della sua notevole cultura letteraria.

Pietro servitore dei servitori della croce di Cristo”: il motto di vita di San Pier Damiani

Apprezzato autore di opere letterarie, nelle quali seppe trasfondere le ispirazioni che gli provenivano dalla contemplazione dei divini misteri, Pier Damiani edificò la Chiesa e la comunità religiosa in cui era inserito con il contributo della sua profonda riflessione teologica e spirituale, incentrata sul mistero trinitario quale modello delle relazioni di comunione e di carità cui deve ispirarsi la vita dei battezzati.

Per la chiara reputazione di sapienza e santità, che ben presto si diffuse, Pier Damiani non tardò ad essere coinvolto nelle vicende, sovente tormentate e tormentose, che affliggevano la Chiesa del proprio tempo, a motivo delle frequenti ingerenze dell’autorità imperiale, del dilagante fenomeno della compravendita delle cariche ecclesiastiche (o simonia) e di un diffuso rilassamento del costume clericale e religioso. Non a caso, l’epoca nella quale il Damiani fu attivo si caratterizzò per un deciso proseguimento degli ideali della riforma rispetto ad un contesto ecclesiale spesso degradato, in cui le logiche del potere e del prestigio apparivanon non di rado prevalere sullo spirito evangelico di servizio e di distacco dai beni terreni.

Pier Damiani, quindi, fu in molte occasioni interlocutore privilegiato di pontefici zelanti (da papa Leone IX, sul soglio di Pietro tra il 1049 e il 1054, che dovette affrontare la lacerante vicenda del “grande scisma” tra Chiesa latina e Chiesa greca, a papa Stefano IX, regnante tra 1057 e 1058, che si distinse per l’impegno in chiave moralizzatrice, sino a papa Niccolò II che, negli anni del suo pontificato tra 1059 e 1061, si trovò a gestire, tra le altre, la spinosa questione riguardante il movimento della Pataria (si veda l’approfondimento proposto al link http://www.eresie.it/it/Patarini.htm).

Tra gli scritti di Pier Damiani spiccano, non a caso, quelli redatti su argomenti relativi alla situazione ecclesiale e alla disciplina dei costumi: si pensi, ad esempio, al Liber Gratissimus, in cui l’autore prende posizione contro il turpe commercio simoniaco, o, ancora, allo sferzante Liber Gomorrhianus, in cui il priore di Fonte Avellana descrive e attacca il vizio della lussuria, purtroppo dilagante anche tra i consacrati, o, infine, al trattato Disceptatio synodalis, su tema canonistico.

Impegnato in numerosi viaggi (da Firenze a Montecassino, da Cluny a Magonza), laddove l’obbedienza al Papa lo chiamava per ricomporre contese e predicare l’austerità e la disciplina, Pier Damiani morì nel 1072 a Faenza.

Proclamato Dottore della Chiesa per l’ampiezza e la rilevanza della sua dottrina nel 1828, la sua memoria liturgica ricorre il 21 febbraio.

 

 

 

Per approfondire San Pier Damiani

 

Siti Internet

http://islab.dico.unimi.it/phmae/IZ/Dam._lib.htm

http://islab.dico.unimi.it/phmae/IZ/traduzioneLG_a.htm

http://islab.dico.unimi.it/phmae/IZ/commento.htm

http://islab.dico.unimi.it/phmae/IZ/appendice.htm

Oltre ad un prezioso inquadramento storico del profilo di San Pier Damiani nel contesto ecclesiale del proprio tempo, i links indicati propongono la traduzione e il commento del Liber Gomorrhianus, unitamente al testo del carteggio di Pier Damiani con i papi dell’epoca.

http://www.documentacatholicaomnia.eu/20_50_1007-1072-_Petrus_Damianus,_Sanctus.html
Link su cui è possibile reperire e leggere in lingua originale i testi degli scritti di San Pier Damiani.

http://www.vatican.va/holy_father/benedict_xvi/audiences/2009/documents/hf_ben-xvi_aud_20090909_it.html
Testo dell’Udienza generale del 9 settembre 2009, tenuta dal papa Benedetto XVI intorno alla figura di San Pier Damiani.

 

 

Bibliografia

  • Giovanni di Lodi, Vita di san Pier Damiani, Città Nuova, 1993.
  • Giuseppe Fornasari, Medioevo riformato del secolo XI. Pier Damiani e Gregorio VII, Liguori, 1996.

  • Ugo Facchini, San Pier Damiani: l’eucologia e le preghiere. Contributo alla storia dell’eucologia medievale. Studio critico e liturgico-teologico, CLV Edizioni Centro Liturgico Vincenziano, 2000.

  • Ruggero Benericetti, L’eremo e la cattedra. Vita di san Pier Damiani, Ancora, 2007.

  • Pier Damiani, Pier Damiani. Un padre del secondo millennio, Città Nuova, 2007.

  • Pier Damiani (san), Opere [vol_1.1] / Lettere 1-21, Città Nuova, 2000.

  • Pier Damiani (san), Opere [vol_1.2] / Lettere 22-40, Città Nuova, 2001.

  • Pier Damiani (san), Opere di Pier Damiani. Lettere (41-67), Città Nuova, 2002.

  • Pier Damiani (san), Opere/Poesie e preghiere, Città Nuova, 2007.

  • Maurizio Tagliaferri, Pier Damiani l’eremita, il teologo, il riformatore (1007-2007), Edizioni Dehoniane Bologna, 2009.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*