Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Santa Clelia Barbieri

Nativa del borgo della località di San Giovanni in Persiceto, nel bolognese, detto delle ”Budrie”, la fanciulla matura molto presto, con acuta intuizione soprannaturale, la coscienza della propria missione: le è sufficiente guardare intorno a sè, alle necessità spirituali e morali degli uomini e delle donne che vivono accanto a lei, nello scorcio dell’Italia di metà Ottocento, attraversata dai fermenti e dalle istanze che, di lì a poco, sfoceranno nella costituzione dell’unità del Paese.

La Cresima nel 1856, la Prima Comunione nel 1858, furono le tappe che incisero in modo indelebile la vita della ragazza e che la sospinsero sulla strada di una sempre più convinta adesione a Colui che, ben presto, ella chiamerà il suo “Sposo”. I sacramenti dell’iniziazione cristiana, dunque, forgiarono il carattere e la vocazione di Clelia che diventò ben presto, sotto la guida illuminata del parroco don Gaetano Guidi (1822-1900), catechista fra le “Operaie della vita cristiana” e, in seguito, a partire dal 1868, membro della piccola comunità “Ritiro della Provvidenza”, che costituirà il primo nucleo storico delle Suore Minime della Provvidenza, dedite all’apostolato, alla preghiera, alla carità verso i poveri.

La vita di Santa Clelia Barbieri

Madre spirituale, nonostante la giovane età, di un gruppo di giovani che la seguono attratte dal suo esempio, Clelia fissò alcune pietre inamovibili del suo cammino interiore, nel quale può riconoscersi il cammino di ogni credente: l’adesione radicale alle promesse del Battesimo, la consapevolezza della propria condizione di “redenti” dal sacrificio di Cristo, la centralità dell’ascolto della Parola di Dio, l’amore per Gesù che si dona, in modo speciale, nella S. Eucaristia e sospinge, a propria volta, al dono di sè per il bene dei fratelli.

Come ebbe a dire ella stessa nella sua celebre “Letterina”

“nel mentre che io mi trovava in Chiesa a udire la Santa Messa, mi sentii una inspirazione grande di mortificare la mia volontà in tutte le cose, per piacere sempre più il Signore e io mi sento la volontà di farlo, ma le mie forze non ne o bastanza grande”.

fonte: http://www.santuarioclelia.it/letterina/lettera_red/lettera_red.htm

La forza dei Santi – e Clelia ne fu ben convinta lungo tutto la sua breve esistenza terrena! – non risiede tanto nelle proprie capacità, quanto piuttosto nell’amore divino, che trasforma le situazioni e agisce anche attraverso strumenti apparentemente poveri e nascosti alla considerazione dei “grandi” del mondo.

Clelia Barbieri morì nel 1870, dopo aver dato l’esempio e aperto la strada alle Religiose che, da quel momento in avanti, ne ricalcheranno le orme e ne seguiranno la scia.

Proclamata beata nel 1968 dal papa Paolo VI e canonizzata santa nel 1989 dal papa Giovanni Paolo II, la sua memoria liturgica è fissata al 13 luglio.

Per approfondire Santa Clelia Barbieri

Siti Internet

http://www.santuarioclelia.it/set_home.htm

http://www.santuarioclelia.it/CleliaBarbieri.html
Due importanti links, a cura delle Suore Minime della Divina Provvidenza, con approfondimenti e contributi relativi alla biografia e al carisma di Santa Clelia.

http://www.preghiereagesuemaria.it/santa%20clelia%20barbieri.htm
Il sito propone alcuni preziosi ed ampi approfondimenti sul profilo di Santa Clelia, in particolare una dettagliata biografia della giovane, nonchè del suo parroco, una sezione iconografica e la preghiera ufficialmente approvata per la novena.

http://www.vatican.va/holy_father/paul_vi/homilies/1968/documents/hf_p-vi_hom_19681027_it.html
Testo dell’omelia di beatificazione, pronunciata da papa Paolo VI nel 1968.

http://www.va/holy_father/john_paul_ii/homilies/1989/documents/hf_jp-ii_hom_19890409_clelia-barbieri_it.html
Testo dell’omelia di canonizzazione, pronunciata da papa Giovanni Paolo II nel 1989.

Bibliografia

  • Paolo Risso, Un canto d’amore. Santa Clelia Barbieri, Elledici, 1989.
  • Paolo Berti, Santa Clelia Barbieri, Edizioni Paoline, 1991.
  • Paola Giovetti, Santa Clelia Barbieri: una biografia, Edizioni San Paolo, 1994.
  • Maria Clara Bonora, Clelia Barbieri: parlano i contemporanei, Città Nuova, 1997.
  • Maria Clara Bonora, Santa Clelia Barbieri, Elledici, 2007.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*