Santa Severa (Rm). Musealizzato il Relitto della Nave romana dei Dolia

Domenica 26 settembre 2010, presso il Museo del Mare e della Navigazione Antica di Santa Severa (Roma), è stata inaugurata la musealizzazione dei resti della Nave Romana dei Dolia di Ladispoli. L’importante contesto archeologico navale, un’imbarcazione cisterna dell’antichità, unico nel suo genere e finalmente restaurato, è stato presentato al pubblico definitivamente e permanentemente. L’evento si è svolto durante la terza edizione di “I Musei in Piazza”, manifestazione alla quale hanno partecipato oltre venti musei della Provincia di Roma esponendo le proprie proposte culturali. L’iniziativa, alla quale negli anni passati hanno aderito molti cittadini e personalità del mondo istituzionale, della politica

Domenica 26 settembre 2010, presso il Museo del Mare e della Navigazione Antica di Santa Severa (Roma), è stata inaugurata la musealizzazione dei resti della Nave Romana dei Dolia di Ladispoli. L’importante contesto archeologico navale, un’imbarcazione cisterna dell’antichità, unico nel suo genere e finalmente restaurato, è stato presentato al pubblico definitivamente e permanentemente.

L’evento si è svolto durante la terza edizione di “I Musei in Piazza”, manifestazione alla quale hanno partecipato oltre venti musei della Provincia di Roma esponendo le proprie proposte culturali. L’iniziativa, alla quale negli anni passati hanno aderito molti cittadini e personalità del mondo istituzionale, della politica e della ricerca scientifica, ha visto il Comune di Santa Marinella e il Museo Civico al centro della manifestazione in qualità di Ente promotore e organizzatore. L’iniziativa, curata da Flavio Enei, direttore del Museo del Mare e della Navigazione Antica, con la collaborazione del Gruppo Archeologico del Territorio Cerite e la Società Archeodromo, si è protratta per l’intera giornata, dalle 10 alle 20 con attività laboratoriali, dimostrazioni di archeologia sperimentale curate dal personale del Museo del Mare e dagli operatori degli altri musei e la proiezione a ciclo continuo dei video proposti dai musei partecipanti.

Autore dell'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.