Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Seconda guerra servile

Seconda guerra servile
Cartina della Sicilia romana

La Seconda guerra servile (104-99 a.C.)

Alcuni primi moti servili si ebbero nel 105 a.C. quando duecento servi da Capua e trenta da Nuceria Alfaterna fuggirono ma vennero giustiziati.

Un terzo episodio è narrato da Diodoro Siculo: a Capua il cavaliere romano Tito Vezio si innamorò di una schiava di un ricco padrone. Concupita la fanciulla, volle riscattarla per una cifra enorme e, ottenendo una dilazione per il pagamento andò a vivere con lei. Una nuova proroga nella riscossione del denaro permise a Tito Vezio di comprarsi cinquecento armature da far indossare ai suoi schiavi. Il cavaliere si proclamò sovrano con le insegne del potere e fece decapitare gli uomini incaricati di recuperare il denaro per affrancare l’ancella.

La rivolta si propagò nei dintorni e da circa settecento servi Tito Vezio poté contare su 3.500 uomini che tennero in scacco il pretore locale, Lucio Lucullo, inviato da Senato di Roma per sedarli. Solo corrompendo il comandante degli schiavi, Apollonio, Lucullo annientò i ribelli.

Lo scontro

La Sicilia fu di nuovo teatro degli scontri più accesi di questo secondo episodio bellico tra Roma e la classe servile.

Mentre Mario combatteva i Cimbri a nord, il Senato gli concesse il diritto di richiedere aiuti a oriente, a Nicomede re di Bitinia. Questo negò gli aiuti poiché già molti liberi bitini erano diventati schiavi di padroni romani. Il Senato istituì dei processi per liberare li alleati schiavizzati illegalmente e, in Sicilia, fece lo stesso il governatore Licinio Nerva il quale però fu corrotto dai possidenti terrieri e dai nobili e lasciò cadere nel dimenticatoio la vicenda.

A Siracusa, trenta schiavi capeggiati da un certo Vario, uccisero i padroni e fuggirono liberando altri schiavi per un totale di duecento. Uno schiavo di nome Gaio Titinio, corrotto dai romani consegnò la fortezza di questi ribelli.

Altre ribellioni ripresero dopo questo episodio. Nerva non diede troppo peso alle vicende. Duemila servi si arroccarono a Eraclea Minoa e sconfissero una guarnigione romana. Salvio divenne loro re col nome di Trifone e assediò Morgantina che resistette. Gli eserciti regolari intanto venivano nuovamente sconfitti.

A Segesta e Lilibeo intanto si accendeva la rivolta di Antenione, un cilicio che radunò mille uomini. La Sicilia era in preda all’anarchia e alla violenza. Salvio e Atenione presero Triocala; il primo fece imprigionare il secondo ma poi lo liberò e la città divenne la base delle rivolte, fortificata e munita di forti mura.

Lucio Licinio Lucullo fu inviato in Sicilia con 14.000 soldati contro 40.000 rivoltosi. La battaglia di Scirtea fu una vittoria romana in campo aperto ma Lucullo non ne approfittò e fu sostituito da Caio Servilio ma invano. Il console Caio Aquilio combattette i ribelli e affrontò Atenione (Salvio era morto nel frattempo) e lo uccise.

Rimasti 10.000 fuggitivi, Aquilio li stanò e catturò. Gli ultimi mille rimasti, al comando di Satiro, vennero inviati contro le bestie negli anfiteatri di Roma ma decisero di sgozzarsi a vicenda.

Bibliografia

  • DIODORO SICULO, Bibliotheca historica, XXXVI
  • FLORO, Epitome, II, 7
  • DOGLIANI M. 1997, Spartaco. La ribellione degli schiavi. Milano

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*