Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Siria, Tell al-Ash’ari. Scoperte sepolture e segni di antica frequentazione umana.

Siria, Tell al-Ash'ari

Sono ventuno le necropoli scoperte a Tell al-Ash’ari, nella provincia di Daraa, nella Siria meridionale. L’annuncio è stato fatto da Qasem Mohammad, direttore del Dipartimento per gli Scavi e le Antichità di Daraa. I ritrovamenti testimoniano la lunga frequentazione del sito.

All’epoca romana (II-IV secolo d.C.) sono datati cinque dei cimiteri scoperti, mentre la maggior parte risale al Bronzo Medio (1800-1600 a.C.). Durante la campagna di scavo è venuta alla luce una grande quantità di ceramica, vasellame, lampade, spade, effigi e medaglie.

La presenza di edifici romani è stata rivelata dallo scavo della parte settentrionale del tell (“collina” in arabo), nella area meridionale invece è stata scoperta una struttura con funzione di “hammamat” (“bagni” o “terme” in arabo). Una vera e propria città era comunque sorta già intorno al II secolo a.C., come testimoniano gli scavi che continuano dal 1998.

E’ stato inoltre scoperto un sistema difensivo in pietre grezze simile a quelli rinvenuti a Tell Ashtara, 5 km a nord di Tell al-Ash’ari. Un gran numero di punte di lancia e di freccia, di raschiatoi in selce sono stati portati alla luce nell’area meridionale ed occidentale del sito, dove sono state scoperte anche grotte che testimoniano una frequentazione umana del sito risalente ad almeno 10.000 anni fa.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*