archeologia italica - articoli in archivio

  • Italia, Sardegna – Ttrovata la pianta che provocava nei condannati un ghigno sardonico

  • L’esperto di botanica farmaceutica Mauro Ballero (Università di Cagliari) e il chimico Giovanni Appendino (Università degli Studi del Piemonte) hanno recentemente effettuato una importante scoperta che avallerebbe una antica credenza, secondo la quale gli antichi sardi avrebbero sacrificato al dio Crono gli anziani non più capaci di mantenersi. Nel corso di un rito ad essi veniva somministrato l’estratto dell’Herba sardonia, pianta che provocava sul volto delle vittime un’espressione similare a un sorriso, per far sembrare felici i vecchi sacrificati e per propiziare la vita dei più giovani. Ora questa ipotesi non più è soltanto un mito.

  • Italia, San Giovanni d’Asso – Trovate sepoltura nella chiesa paleocristiana di San Pietro in Pava

  • Dal 2004 la Chiesa paleocristiana di San Pietro in Pava, sita a San Giovanni d’Asso e risalente a un periodo compreso fra il quinto e il sesto secolo dopo Cristo, è oggetto di scavo e di studio e al suo interno è stata appena scoperta una tomba dagli esperti del Laboratorio di Archeologia dei Paesaggi e Telerilevamento attivo presso l’Università di Siena. In base alle prime ricostruzioni le ossa che giacciono nella sepoltura, trovate in ottime condizioni, apparterrebbero a un martire o a un santo. Il ritrovamento è stato effettuato a pochi giorni dal termine della campagna di scavi 2009,

  • Intervista a Alfonsina Russo, autrice di “Felicitas Temporum”

  • Sabato 20 giugno 2009 è stato presentato a Potenza il volume scritto a due mani da Alfonsina Russo e Helga Di Giuseppe e intitolato Felicitas Temporum. Dalla terra alle genti. Abbiamo intervistato per voi Alfonsino Russo.

  • Italia, Gualdo Tadino – Scoperta una fornace di epoca italica

  • A Gualdo Tadino, comune in provincia di Perugia, nell’ambito delle recenti ricerche archeologiche effettuate nel vasto insediamento di Colle I Mori, è stata portata alla luce una fornace a pianta circolare nella quale veniva cotta la ceramica in epoca preromana.

  • Archeoturismo: Paola, una vacanza alla scoperta della Costa degli Etruschi

  • “Il lungo rettilineo di Rimigliano che da San Vincenzo conduce a Baratti, contraddistinto da un’interminabile fila di pini marittimi, è il primo segno della bellezza, dolce e ondulata, che quella terra ti riserva. Appena svolti a destra verso il mare, anche se le colline lo nascondono ancora, percepisci il paesaggio come fonte di serenità e, più avanti, verso il golfo, gli scorci si fanno unici e avverti dentro di te che quella terra così bella racchiude in sé molto di più della percezione visiva del momento. Mentre cammini su quella terra è come se una magia si impossessasse di te

  • Italia, Puglia – Scoperta sul Gargano una necropoli con guerrieri del IV secolo a.C.

  • Grazie a un’operazione coordinata dai finanzieri della Compagnia di San Severo a Ischitella (località Monte Civita) è stata recentemente portata alla luce una necropoli databile al IV secolo a.C. che si estende per ottocento metri quadrati.

  • Italia, Pegli – riaprono quattro sale del museo

  • Venerdì 26 giugno 2009 Villa Pallavicini (Genova Pegli) ha inaugurato un nuovo percorso alla scoperta di Genova e, più in generale, della Liguria. La nuova esposizione consiste in quattro ambienti dove la storia ligure prende vita a partire da 5500 anni fa e mostra le profonde trasformazioni paesaggistiche e sociali avvenute nei tre millenni successivi.

  • Intervista al Professor Maurizio Harari, docente di Etruscologia e Archeologia italica

  • Il Dottor Maurizio Harari è professore associato e confermato di Etruscologia e Archeologia italica presso l’Università di Pavia, dove tiene il corso di Antichità classiche e orientali per la laurea di primo livello. Lo abbiamo intervistato per voi.

  • Italia, Firenze – Avvicendamento di tesori al Museo Archeologico: torna la Minerva, va in mostra la Chimera

  • Da lunedì 11 maggio 2009 la Minerva di Arezzo è tornata nelle sale del Museo Archeologico Nazionale di Firenze come protagonista di una mostra a lei dedicata. La bellissima statua ritorna nei locali del Museo fiorentino, dopo otto anni di assenza causa restauro, con una nuova fisionomia affiancata dal calco che raffigura l’immagine Carradori, cioè quella che conoscevamo sino al 2000. In un espositore a parte, invece, si possono ammirare il braccio realizzato dallo scultore lorenese – la cui posizione risulta oggi del tutto slegata al nuovo aspetto della statua – e il serpentello, sempre creazione di Francesco Carradori per decorare

  • Italia, Villanova di Castenaso – inaugurato il MUV

  • Venerdì 8 maggio 2009, alle 16.30, si è tenuta la cerimonia d’inaugurazione della prima parte del percorso espositivo del MUV, ovvero Museo della Civiltà Villanoviana, allestito presso l’ex fienile di Casa Sant’Anna, che una volta era di proprietà della famiglia Gozzadini, mentre attualmente appartiene al Comune di Castenaso, in seguito a un accurato restauro eseguito dalla Coop. Costruzioni e progettato dal Comune, in base a un Accordo di Programma.