archeologia mesoamericana - articoli in archivio

  • Perù – Spedizione italiana scopre una città Inca, forse la mitica Chicuate

  • La Cordigliera Andina del Perù è stata ancora teatro di uno straordinario ritrovamento: una laguna completamente inesplorata e le rovine di una città che potrebbe corrispondere alla mitica Chicuate. Artefici della recente scoperta i componenti (scienziati, archeologi e esploratori) della spedizione collegata al progetto Ande del Nord: Uomo e Ambiente, coordinata dal direttore e capo-spedizione Gianluca Frinchillucci. La missione si è snodata sull’antico Cammino Real, trovato da Lorena Zuniga, archeologa peruviana, nel 1999 e non ancora riportato alla luce.

  • Bolivia – Scoperto il sacello di un dignitario sepolto ricoperto d’oro

  • Grazie alla Missione europea “Progetto Tiahuanaco”, Bolivia 2007-2012, alla quale partecipa anche l’Università degli Studi di Padova, e alla collaborazione dell’Unità Nazionale Archeologia Bolivia è stato recentemente effettuato un’importante ritrovamento: la tomba di un dignitario sepolto con un corredo funerario consistente in lamine d’oro quadrangolari e circolari e altri oggetti preziosi come gioielli.

  • Recensione a “I Maya e il 2012” di Sabrina Mungos

  • Quando pensiamo ai Maya immaginiamo subito la più affascinante delle civiltà che hanno popolato l’antico Messico, abili costruttori e attenti studiosi dei fenomeni dell’universo, capaci di edificare impressionanti piramidi ma anche di compiere sanguinosi rituali. Invece, I Maya e il 2012 di Sabrina Mungos, astrobiologa, geochimica e conoscitrice di civiltà antica, va oltre i soliti aspetti storici e archeologici e affronta un tema interessante e ricco di mistero: la profezia Maya riguardante il 21 dicembre 2012.

  • Recensione a “Viaggio in Messico. Sulle tracce del Serpente Piumato” di Maria Longhena

  • Viaggio in Messico, ultima fatica dell’archeologa e studiosa delle civiltà precolombiane, Maria Longhena, è un vero e proprio viaggio (come avverte il titolo) che condurrà il lettore alla scoperta dei dieci luoghi più importanti e significativi della storia del Messico preispanico e coloniale: La Venta, Monte Albán e Mitla, Palenque, Yaxchilán, Toetihuacán e Tula, Kabá, Uxmal, Chicén Itzá, Tulum e Tenochtitlán. L’autrice, seguendo le tracce dell’antichissimo culto del Serpente Piumato, porta il lettore indietro nel tempo: dal II millennio avanti Cristo fino al periodo della Conquista, tra fiumi, vulcani, antiche rovine e riti cruenti – come il gioco della palla,

  • Messico. I nativi mesoamericani decoravano i propri denti da veri e propri dentisti

  • Il sorriso “luccicante” di alcune star del cinema non è poi una moda tanto innovativa e senza precedenti. Una importante scoperta archeologica ha infatti rivelato come alcuni dei “primi dentisti” fossero in grado di regalare ai Nativi Americani la possibilità di aggiungere “scintillio” ai propri denti già oltre di 2.500 anni fa.

  • Perù, El Brujo – Il Complesso Archeologico

  • Quando pensiamo al Perù le prime cose che ci vengono in mente sono le rovine di Machu Picchu e l’Impero Inca. Ma il passato peruviano è ricco e importante, infatti il patrimonio archeologico che le civiltà vissute anticamente in Perù ci hanno lasciato è vastissimo. Un esempio è la civiltà Moche, vissuta sulla costa settentrionale in un periodo compreso fra il 100 avanti Cristo e l’800 dopo Cristo, dove ha fondato quello che oggi è conosciuto col nome di Complesso Archeologico El Brujo: esso, negli ultimi decenni, ha rivelato l’esistenza di innumerevoli tesori archeologici.

  • Perù, El Brujo – apre il museo in onore della Señora de Cao

  • A settecento chilometri dalla capitale peruviana, Lima, inaugura, presso il sito archeologico di El Brujo, il Museo di Cao, una struttura ampia seicento metri quadrati che ospita i resti della misteriosa Señora de Cao, giovane donna che millesettecento anni fa guidò il Perù settentrionale e che si pensa avesse poteri divini.

  • Storie vere e leggende sull’Isola di Pasqua

  • Riceviamo questo articolo da Ennio La Malfa, presidente di Accademia Kronos, e lo pubblichiamo con vero piacere. Accademia Kronos studia da circa venti anni le civiltà andine, quelle polinesiane e quella dell’Isola di Pasqua. Non solo su libri e nei musei si è spinta la ricerca, Accademia Kronos ha anche organizzato spedizioni in India, Messico, Perù e, in fine, presso l’Isola di Pasqua. A questo punto gli studiosi di Accademia Kronos si sono fatti un’idea sui primi colonizzatori dell’Isola. Un’idea che si scosta da quella accettata ormai da gran parte degli archeologi occidentali che punta esclusivamente sui polinesiani come unici colonizzatori