Demostene - articoli in archivio

  • Battaglia di Sfacteria

  • Luogo: isola di Sfacteria (oggi detta anche Sfagia), Grecia ionica. Data: 425 a.C. Eserciti in campo: per gli spartani 420 opliti e un numero imprecisato di iloti; per gli ateniesi 70 triremi, 800 peltasti, 800 opliti, 800 arcieri e un numero imprecisato di ausiliari messeni Comandanti: Epitada e Stifone per gli spartani, Demostene e Cleone per gli ateniesi Esito: vittoria ateniese e resa della flotta spartana. L’antefatto Sfacteria è un’isola oblunga che controlla il golfo di Navarino (l’antica Pylos). L’assedio che gli ateniesi condussero ai danni degli spartani fu solo un episodio della guerra del Peloponneso per il dominio della

  • Demostene

  • Demostene (384 a.C. – 322 a.C.) opere principali: orazioni Contro Afobo e Contro Onetore, tre Filippiche (più una quarta di dubbia autenticità), tre Olintiache, discorso Sulla corona. Principe degli oratori ateniesi e uno dei più grandi di tutti i tempi, Demostene visse ed operò in uno dei momenti più travagliati della storia di Atene, quando la ribellione delle città alleate, culminata nella cosiddetta “guerra sociale” (357 a.C.- 355 a.C.), da un lato, e l’ascesa di Filippo II di Macedonia, dall’altro, stavano ponendo in serio scacco i fondamenti stessi di libertà e democrazia su cui si erano basati, sino ad allora,