Hatshepsut - articoli in archivio

  • Germania, Berlino. Il busto di Hatshepsut potrebbe essere un falso

  • Un busto egiziano acquistato oltre vent’anni fa, con grande dispendio economico, da un museo berlinese e raffigurante il faraone donna Hatshepsut potrebbe essere un clamoroso falso. La statua, in granito scuro, raffigura la celebre donna faraone che governò l’Egitto per 22 anni e rappresenta uno dei capolavori di punta del Museo Egizio di Berlino ed è surclassato, in termini di popolarità, solo dal busto della regina Nefertiti.

  • Egitto, Tebe – ritrova la Cappella Sistina egiziana

  • È stata scoperta la Cappella Sistina dell’Antico Egitto com’è stata chiamata dalla stampa spagnola la scoperta fatta da un’equipe di archeologi spagnoli presso Luxor di una camera mortuaria che presenta gioielli, pitture a colori e geroglifici risalenti a 3500 anni addietro. Il ritrovamento è stato fatto dagli studiosi del Csic (ovvero, Consiglio superiore di ricerche scientifiche spagnolo) all’interno della città dei morti di Dra Abu el-Naga, sulla riva ovest di Luxor, presso l’antica Tebe.

  • Egitto – avvenuti tre ritrovamenti importanti

  • Una statua di quarzite dalla lunghezza corrispondente a 149 centimetri è stata ritrovata a settentrione della piramide di Micerino. Questa, scoperta a pochi centimetri di profondità, rappresenta una figura maschile seduta, dotata di una parrucca che gli arriva alle spalle, che impugna un oggetto non ancora identificato nella mano destra mentre la mano sinistra è appoggiata sulla coscia. Benché lo stile in cui venne realizzata fa supporre che si tratti presumibilmente di una statua che risale all’epoca del faraone Micerino, il reperto, ad ogni modo, non può essere identificato con precisione per via dell’assenza di iscrizioni e di alcuni degli

  • Egitto – trovate le tracce del profumo che la regina Hatshepsut preferiva più di tremila anni fa

  • Fragranza d’incenso. Era questa la preferita di Hatshepsut, regina egizia alla guida dell’Egitto attorno al 1479 a.C., in rappresentanza di Thutmoses III, il suo figliastro che all’epoca aveva soltanto tre anni. La durata di questo interregno avrebbe dovuto protrarsi sino alla maggiore età di Thutmoses, ma, in realtà, si trascinò per vent’anni.