Maya - articoli in archivio

  • USA, Boston. Il MIT conferma: Olmechi, Maya e Aztechi le prime star del pallone

  • La XIX edizione dei mondiali di calcio è iniziata dopo una cerimonia d’apertura con musica e balli. Ora i giocatori possono scendere in campo portando sulle loro spalle il peso delle aspettative di un’intera nazione. Tuttavia questo è niente in confronto al rischio cui andavano incontro i contendenti degli antichi giochi con la palla che avevano luogo nell’America precolombiana. Il rischio era infatti quello di diventare parte del sacrificio umano che aveva luogo al termine della sfida.

  • Belize, Caracol. Nuova luce sui Maya grazie a LiDar

  • Da venticinque anni Diane e Arlen Chase cercano di aprirsi una strada nella vegetazione del territorio del Belize per tracciare una mappa dettagliata di 23 chilometri quadrati dell’antica città maya di Caracol, interamente ricoperta dalla giungla per secoli. Ma grazie all’innovativo utilizzo del LiDaR (Light Detection and Ranging), strumento a impulso laser inventato dalla NASA e già applicato alla sismologia e alla geologia, i due ricercatori statunitensi hanno portato a termine il loro lavoro in sole ventiquattro ore.

  • Messico, Palenque. Sono Maya i primi ingegneri idraulici del Nuovo Mondo

  •   Una struttura idraulica scavata nella città Maya di Palenque, in Messico, è il primo esempio conosciuto di acquedotto a pressione idrica nel Nuovo Mondo. A dichiararlo sono Kirk French e Christofer Duffy, rispettivamente antropologo ed ingegnere della Penn State University.

  • Messico, Chiapas – Scoperta una importante tomba Maya

  • È stata recentemente scoperta da un’equipe di archeologi messicani una tomba Maya, databile a 1100 anni fa, che si spera possa gettare nuova luce sui motivi della scomparsa della civiltà mesoamericana.

  • Messico, Calakmul – Dalle pitture nuove tracce di vita quotidiana dai Maya

  • Lo scorso novembre (2009), una squadra di archeologi guidata da Ramon Carrasco Vargas dell’ Istituto nazionale messicano di Antropologia e Storia, ha rinvenuto una serie di pitture che chiarirebbero alcuni aspetti della vita comune degli antichi Maya.

  • Stati Uniti, Ohio – Studiato il legno dei palazzi e dei templi maya di Tikal

  • Una nuova risposta all’enigmatica fine della civiltà Maya giunge da oltreoceano: il paleobotanico David Lentz (University of Cincinnati) e la sua equipe hanno studiato le costruzioni in legno dei palazzi e dei templi della città maya guatemalteca Tikal, dimostrando che la ragione principale del decadimento di questa gloriosa civiltà, incominciato nel IX sec. dopo Cristo, fu l’esaurimento delle risorse naturali.

  • Recensione a “I Maya e il 2012” di Sabrina Mungos

  • Quando pensiamo ai Maya immaginiamo subito la più affascinante delle civiltà che hanno popolato l’antico Messico, abili costruttori e attenti studiosi dei fenomeni dell’universo, capaci di edificare impressionanti piramidi ma anche di compiere sanguinosi rituali. Invece, I Maya e il 2012 di Sabrina Mungos, astrobiologa, geochimica e conoscitrice di civiltà antica, va oltre i soliti aspetti storici e archeologici e affronta un tema interessante e ricco di mistero: la profezia Maya riguardante il 21 dicembre 2012.

  • Recensione a “Viaggio in Messico. Sulle tracce del Serpente Piumato” di Maria Longhena

  • Viaggio in Messico, ultima fatica dell’archeologa e studiosa delle civiltà precolombiane, Maria Longhena, è un vero e proprio viaggio (come avverte il titolo) che condurrà il lettore alla scoperta dei dieci luoghi più importanti e significativi della storia del Messico preispanico e coloniale: La Venta, Monte Albán e Mitla, Palenque, Yaxchilán, Toetihuacán e Tula, Kabá, Uxmal, Chicén Itzá, Tulum e Tenochtitlán. L’autrice, seguendo le tracce dell’antichissimo culto del Serpente Piumato, porta il lettore indietro nel tempo: dal II millennio avanti Cristo fino al periodo della Conquista, tra fiumi, vulcani, antiche rovine e riti cruenti – come il gioco della palla,

  • Messico. I nativi mesoamericani decoravano i propri denti da veri e propri dentisti

  • Il sorriso “luccicante” di alcune star del cinema non è poi una moda tanto innovativa e senza precedenti. Una importante scoperta archeologica ha infatti rivelato come alcuni dei “primi dentisti” fossero in grado di regalare ai Nativi Americani la possibilità di aggiungere “scintillio” ai propri denti già oltre di 2.500 anni fa.