storia pre-romana - articoli in archivio

  • Sant’Antioco. Rinvenuto un santuario fenicio

  • Lo scorso 20 giugno è stata avviata la quarta Summer School di Archeologia fenicio-punica nell’area urbana del cronicario di S. Antioco (comune nella provincia di Carbonia-Iglesias). Nell’ambito di queste ricerche sono stati portati alla luce i resti di un santuario. A darne notizia lo stesso Piero Bartoloni professore ordinario di Archeologia fenicia e punica dell’Università di Sassari che dirige l’operazione di scavo. Gli elementi che suggeriscono la presenza di questa area sacra sono frammenti di ex-voto, parti di doni frammisti ad oggetti in rame. Secondo l’interpretazione di P. Bartoloni questo era tempio dove si effettuava la pratica dell’incubatio: i fedeli,

  • Intervista a Roberto Corzani sul Parco Regionale dell’Antichissima Città di Sutri

  • Il Parco dell’Antichissima Città di Sutri è un Parco Naturale, con aree di interesse regionale, all’interno del quale sono rappresentate l’epoca etrusca, romana, basso e alto medievale e rinascimentale. Il Parco, che si estende per 70000 metri quadrati, è stato fondato nel 1988 e conta tre dipendente. L’ingresso al Parco è gratuito. Abbiamo intervistato per voi, il dottor Roberto Corzani, funzionario del Parco.

  • Santorso (Vi). Conclusa la campagna di scavo sul Monte Summano

  • Si è appena conclusa la campagna di scavo diretta dalla Soprintendenza del Veneto e incominciata nel 2007 che ha permesso di verificare – a conferma della tradizione popolare – la presenza di un luogo di culto frequentato per circa un millennio, dal quinto secolo avanti Cristo sino a tutto il quarto secolo dopo Cristo. L’esistenza di un’area sacra di epoca romana è ipotizzata sin dall’età umanistica, con le indagini dei primi storici locali e il proliferare della leggenda di San Prosdocimo. La tradizione vuole che nel primo secolo egli sia salito sulla vetta del Summano per cancellare le ultime tracce

  • Bassano del Grappa. Ragazzo scopre nel Brenta una spada di bronzo del VII secolo a.C.

  • Nell’agosto 2009, mentre giocava nell’acqua del Brenta, durante un’uscita pomeridiana poco fuori Bassano, il dodicenne Riccardo Lenner intravide tra i sassi una spada, probabilmente di epoca preromana. La notizia della scoperta, però, è stata annunciata pubblicamente soltanto in questi giorni perché, prima di gridare al ritrovamento eccezionale, i genitori del ragazzo si sono accertati dell’autenticità della spada, contattando e informando la Soprintendenza.

  • Taranto. Scoperta tomba magno-greca con un ricco corredo funebre

  • Durante alcuni lavori alla rete idrica di Taranto, è stata scoperta una grande sepoltura magno-greca, databile al IV-III secolo avanti Cristo.

  • Francia, Piccardia. Rinvenute tombe di re guerrieri celti

  •   Importante scoperta nell’ambito dell’archeologia celtica in territorio francese: ad Attichy, nell’Oise (Piccardia), durante lo sfruttamento di una cava di conglomerati è stata rinvenuta una ricca necropoli appartenuta a questa popolazione. L’Inrap, Institut National de recherches archeologiques, istituto che cura le ricerche nei siti a rischio archeologico, ha rinvenuto undici sepolture di inumati: i corpi sono stati deposti con le braccia distese lungo il corpo e il viso rivolto a levante. Solo uno di questi è in posizione fetale e rivolto a settentrione.

  • Italia, Gela. Scoperto un sarcofago magnogreco

  • Nel corso degli scavi per un’impianto civile di distribuzione idrica è venuto alla luce un sarcofago di epoca ellenistica, risalente al VI secolo a.C.  La zona era stata identificata come area di presenza di una necropoli sin dal 1905 e non erano stati rai in passato i rinvenimenti. All’interno della tomba vi erano delle ossa umane ridotte in frammenti e tutto quel che restava del corredo funerario, ossia due balsamari per oli profumati. All’esterno è stata trovata anche una fuseruola (elemento del fuso per la a lana) il che autorizza a ipotizzare che si tratti della sepoltura di una donna di modeste condizioni sociali.

  • Italia, Selinunte. Templi e astronomia: nesso possibile?

  • Alun Salt, astronomo presso l’Università di Leicester, osservando l’orientamento dei templi presenti in Sicilia ha notato come l’unico rivolto ad ovest sia quello che sorge a Selinunte dedicato alla dea dell’oltretomba Ecate del VI secolo a.C.

  • Italia, Lugagnano Val d’Arda (Pc). Si rinnova l’area archeologica di Veleia romana

  • Veleia Romana venne ritrovata nel 1760 dal Duca Filippo di Borbone e, oggi, a 250 anni dalla riscoperta, la Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Emilia-Romagna rinnova l’area archeologica, offrendo ai visitatori un allestimento museale e un percorso di visita attrezzato nuovi, creati secondo i più recenti dati scientifici e con stimolanti richiami agli scavi settecenteschi.

  • Archeologia: nel Potentino scoperta reggia VI secolo a.C.

  • Dalla II campagna di scavo presso il sito noto come Torre di Satriano, vicino a Potenza, svolta dalla Scuola di Specializzazione in Archeologia afferente all’Università di Basilicata e coordinata dal suo direttore, Massimo Osanna, emergono scoperte importantissime per l’archeologia della Basilicata: infatti, gli archeologi hanno riportato alla luce una Reggia risalente al VI secolo avanti Cristo, una sfinge e un lungo fregio di terracotta che raffigura scene di battaglia.