Seneca - articoli in archivio

  • Seneca: opere

  • Le opere di Seneca I Dialogi di Seneca Si tratta di dieci operette morali che del tradizionale genere dialogico di ascendenza platonico-aristotelica conservano la forma colloquiale, la vivacità espressiva e la tendenza ad una ricca esemplificazione di personaggi sia storici che contemporanei, ma non il ricorso ad una cornice narrativa, né l’alternanza dialettica di voci. I Dialogi, dunque, sono: De providentia: spiega come la Provvidenza disponga prove tortuose per gli uomini buoni affinché essi possano esercitare la loro virtù al meglio. De constantia sapientis: tratta dell’imperturbabile fermezza del saggio. De ira: tratta dell’ira, quello che lo stoico Seneca considera il

  • Seneca: vita

  • Lucio Anneo Seneca nasce a Cordova nel 4 a.C. e muore a Roma nel 65 d.C. sotto l’accusa di aver partecipato alla congiura dei Pisoni; filosofo stoico, autore di trattati, epistole e tragedie è uno degli autori più fecondi della letteratura latina, nonché una delle personalità più carismatiche della società Romana del I secolo d.C. La vita di Seneca Seneca nasce a Cordova attorno al 4 a.C. da Seneca detto “il Vecchio” o “il Retore”, autore di Controversiae e Suasoriae, ed Elvia; compie i primi studi a Roma, dove conosce i maestri che formeranno la sua personalità e lo avvieranno

  • Seneca

  • Lucio Anneo Seneca (4 a.C. – 65 d.C.) L’uomo buono gradisce un ammonimento, ma tutti i cattivi sono estremamente restii ai pedagoghi. (Seneca, Dell’ira, III 36) Lucio Anneo Seneca, allievo di Sozione, un neopitagorico, e di Papirio e Attalo, entrambi di appartenenza stoica, fu protagonista di rilevo nella vita politica romana, nonchè precettore e maestro di Nerone, che nell’anno 65 gli impose il suicidio quale sanzione per una sua presunta complicità nella cosiddetta “congiura dei Pisoni”, ordita allo scopo di eliminare il tirannico imperatore. Fu autore di numerose opere, tra cui ci risultano pervenuti: i libri dei “Dialoghi” De providentia