Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Teutates

Teutates

Teutates

Toutatis o Teutates era un dio celtico venerato in Gallia e in Gran Bretagna. Sulla base dell’etimologia del suo nome, egli è stato ampiamente interpretato come un protettore tribale. Il nome “Toutatis” è attestato da una decina di iscrizioni antiche, mentre “Teutates” è conosciuto anche da un passaggio di Lucano.

Epigrafi

Teutates era venerato soprattutto in Gallia e nella Britannia romana. Iscrizioni dedicate a Giove Ottimo Massimo e a Marte Toutatis sono state recuperate nel Regno Unito, per esempio, a Cumberland Cave. Due dediche sono state trovate anche nella regione di Norico e a Roma. Un’altra iscrizione trovata in Galizia probabilmente contiene anche una dedica a Teutatis.

Citazioni dal Pharsalia di Lucano

Teutates era una delle tre divinità celtiche menzionate dal poeta romano Lucano nell’opera Pharsalia (I 444-446), nel I secolo d.C., seguito da Esus (“signore”) e Taranis (“tonante”). Secondo i commentatori successivi, venivano sacrificate vittime in onore di Teutates ed esse erano spinte a capofitto in una vasca riempita con un liquido non specificato e fatte affogare. Gli attual istudiosi parlano spesso di “Teutates” come plurale, riferendosi rispettivamente ai patroni delle diverse tribù; “Teutates” sembrerebbe infatti da considerarsi come “l’uomo della tribù”, ovvero “l’uomo del nord”, mentre invece “Esus” potrebbe essere un semplice epiteto, forse equivalente all’Optimus latino, epiteto di Giove. Secondo altri studiosi invece, Esus sarebbe l’identificazione di Marte.

Etimologia

Si pensa che “Teutates” derivi dalproto-celtico teuta col significato di“popolo”o “tribù”, ed è correlato al germanico þeud?eþiudiskaz. Il dittongo proto-celtico eugeneralmente si modifica in ouprima delII secolo a.C. É statosuggerito che il nome Teutates possa significareil padre della tribù.

Sincretismo

Lucano sembrerebbe identificare Mercurio con Teutates ed Esus con Marte. A volte il “Mercurio” gallico poteva avere le caratteristiche di un guerriero, mentre il “Marte” gallico poteva agire come un dio della guarigione o della protezione.

Secondo alcuni studiosi ogni tribù aveva il proprio Teutates e a volte si ritiene che il Marte gallico fosse nato come prodotto del sincretismo con Teutates, notando il gran numero di epiteti indigeni con cui viene adorato il dio Marte.

Bibliografia

  • Filoramo G., Massenzio M., Raveri M., Scarpi P. (2007). Manuale di storia delle religioni. Editori Laterza, Roma.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*