Tortora (Cosenza). Scoperta una tomba antica nel centro storico

Riemergono presso il Comune di Tortora reperti archeologici di enorme valore, riferibili all’antica cultura lucana, grazie alla collaborazione tra le Fiamme Gialle di Scalea e la Soprintendenza per i Beni Archeologici della Calabria, supportate logisticamente dal Comune di Tortora. Tra le testimonianze rinvenute ci sono interessanti reperti a figura rossa, fra cui frammenti di un recipiente per vino e di un cratere di un’anfora, resti di un’anfora di fattura attica e un puntale di anfora da trasporto. La testimonianza più interessante risulta essere una tomba lucana a cassa in laterizi risalente alla fine del quarto secolo avanti Cristo che contiene,

Riemergono presso il Comune di Tortora reperti archeologici di enorme valore, riferibili all’antica cultura lucana, grazie alla collaborazione tra le Fiamme Gialle di Scalea e la Soprintendenza per i Beni Archeologici della Calabria, supportate logisticamente dal Comune di Tortora. Tra le testimonianze rinvenute ci sono interessanti reperti a figura rossa, fra cui frammenti di un recipiente per vino e di un cratere di un’anfora, resti di un’anfora di fattura attica e un puntale di anfora da trasporto. La testimonianza più interessante risulta essere una tomba lucana a cassa in laterizi risalente alla fine del quarto secolo avanti Cristo che contiene, oltre a un vaso chiuso e integro, verniciato di nero, uno scheletro adulto.

La scoperta è stata segnalata da un cittadino che ha telefonato al 117, raccontando che nel corso di alcuni lavori avviati dal Comune di Tortora per sistemare piazza Madonna delle Grazie, erano stati trovati frammenti di vasellame e altri oggetti antichi. L’intero sito archeologico, che si estende per circa duecento metri quadrati, è stato sottoposto a sequestro.

Autore dell'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.