Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Turchia, Göbekli Tepe. Scoperta la più antica raffigurazione erotica maschile nota

Scoperta la più antica raffigurazione erotica maschile nota

Desta curiosità la notizia del rinvenimento di quella che sembrerebbe essere la raffigurazione di un uomo nudo, colto nel momento della piena erezione: se così fosse, si tratterebbe della più arcaica rappresentazione erotica maschile. La scoperta è avvenuta nel famoso sito turco di Göbekli Tepe, nei pressi del confine con la Siria, all’interno di quello che viene ritenuta la struttura templare in pietra più antica al mondo, databile intorno all’11.500 a.C., ben settemila anni prima dell’erezione delle Grandi Piramidi in Egitto.

Prescindendo dalle interpretazioni di carattere fanta-archeologico, che vedrebbero la località, frequentata per circa cinque secoli prima di essere misteriosamente interrata, all’origine – o controprova – del mito del giardino dell’Eden, si tratta comunque si un’area archeologica straordinaria: il complesso, infatti, si compone di una collina artificiale delimitata da grezzi muri a secco e di quattro grandiosi recinti circolari, delimitati da imponenti monoliti dal peso di circa dieci tonnellate l’uno, riccamente decorati con svariate specie animali in bassorilievo, oltre che con motivi geometrici; sono state rinvenute inoltre alcune statue in argilla, molto rovinate, raffiguranti forse una volpe o un cinghiale. Grazie alle analisi paleobiologiche, si è potuto ricostruire l’ambiente che permise a gruppi di uomini di abbandonare il nomadismo e di insediarsi stabilmente in un luogo: solo un’organizzazione stabile, o in via di stabilizzazione, poteva concepire un progetto tanto monumentale e protrarlo per diverse generazioni, sebbene non siano stati rinvenuti (per il momento) resti di abitazioni o animali domestici.

Al posto dell’attuale deserto, querce, ginepri e mandorle, oltre ad animali selvatici, di cui si sono rinvenuti i resti negli strati più antichi dello scavo, accanto agli strumenti utilizzati per cacciarli ed utilizzarne al meglio carne, ossa, pelli; semi di piante selvatiche e tracce di legno carbonizzato indicano che, già prima della costruzione del santuario, il luogo doveva essere frequentato con una certa regolarità. Forse la sedentarizzazione, e di conseguenza l’agricoltura, ebbe il suo primo, fondamentale impulso proprio qui. In attesa di nuove scoperte, intanto, qual era lo scopo di tanti immani sforzi? Propiziarsi le divinità della caccia (ma i bassorilievi delle formiche e gli scorpioni, allora)? Una celebrazione cosmica delle ricchezze che la natura offriva? Riti sciamanici? Cerimonie legate alla fertilità? Culti apotropaici? La scoperta della raffigurazione maschile potrebbe servire a rispondere ad alcune domande. 

Jens Notroff, portavoce del Deutsches Archäologisches Institut, l’ente che sta curando gli scavi nella zona, ha affermato che l’immagine è “senza dubbio di un uomo con un pene in erezione”. Figure di nudi femminili così antiche erano già conosciute, questa sarebbe quindi la prima riguardante un maschio: la caratterizzazione fallica indicherebbe fertilità, dunque prosperità ed abbondanza, come si riscontra esplicitamente nella cultura greca e romana, ma con una piccola differenza. L’uomo del bassorilievo, infatti, è privo del capo. “La testa dell’uomo risulta mancante – continua Notroff – Essa era vista come sede dell’anima, dunque un’immagine che ne è priva vuol rappresentare che egli è morto e trapassato nell’aldilà”. A questo vanno ad aggiungersi le figure di contorno – più grandi di quella maschile – un volatile ed uno scorpione, in linea con un inusuale disco, forse il sole. Comprenderne il senso, dunque, diviene ancora più difficoltoso.

Klaus Schmidt, direttore della missione tedesca, illustra epigraficamente quale sia l’insormontabile problema che deve affrontare chi cerca di gettare luce su un apparato iconografico così remoto: “Questa era un’epoca in cui la scrittura non esisteva, quindi i nomi non potevano essere trascritti”, e dunque tramandati attraverso i millenni. Basti pensare all’Egitto: senza geroglifici, non sapremmo che quello che le fonti classiche ci dicono di loro, ed è ben poco. Ma, senza Stele di Rosetta, anche la scrittura geroglifica risulterebbe del tutto inutile. Non basta, infatti, il segno: bisogna anche interpretarlo. “Ad essere onesti – spiega Notroff – stiamo ancora cercando di capire il senso delle immagini: vediamo le figure, ma non ne comprendiamo il significato. È come se si scavasse una chiesa cristiana ritrovando la croce e tutti gli altri simboli, senza alcun indizio su cosa essi significhino. Sappiamo che queste immagini hanno valenza religiosa, ma di tutto il resto non abbiamo alcuna idea”. Dunque il dubbio rimane, e forte, a meno che non intervengano altre insospettabili scoperte a gettare nuova luce, qui a Göbekli Tepe, santuario di oltre tredicimila anni fa.

Foto di apertura: particolare della stele raffigurante un uomo nudo, nell’angolo in basso a destra.

Fonti

  • – http://www.archnews.co.uk/index.php?news=5373 (in inglese)
  • – http://www.archaeologydaily.com/news/201102266176/Worlds-Oldest-Erotic-Picture.html (in inglese)
  • – http://www.dainst.org/goebeklitepe (in tedesco)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*