Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Valle d’Aosta, Nus. Individuato insediamento di capanne di età romana

Un nuovo e importante ritrovamento per il patrimonio archeologico della Val d’Aosta: si tratta di 56 fondi di capanna a base circolare, costruiti con mura a secco, scoperti fortuitamente al confine fra i comuni di Nus e Torgnon, sul Col Pierrey, da Pier Carlo Reboulaz, un cittadino di Nus. In seguito alla segnalazione di Reboulaz, i tecnici della Regione hanno immediatamente avviato una campagna di scavo.

La scoperta apre un importante fronte di ricerca per quanto riguarda gli insediamenti d’altura in Valle d’Aosta nel secondo-terzo secolo avanti Cristo, poiché potrebbe rappresentare la prima conferma dell’ipotesi che propone una loro diffusione sul territorio, nata durante le indagini a La Magdeleine, presso il sito Tantané, dove era venuta alla luce la medesima tipologia di capanne e di monete.

Dalle prime indagini di superficie all’interno della abitazioni è stata trovata la metà di un asse, cioè una moneta di bronzo romana: grazie alla sua datazione si suppone una frequentazione del sito relativa al 50-40 avanti Cristo.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*