Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Svizzera, Zurigo. Scoperta una porta in legno di pioppo vecchia di 5000 anni

Svizzera, Zurigo. Scoperta una porta in legno di pioppo vecchia di 5000 anni

Nel corso dei lavori per la realizzazione di un parcheggio interrato a Zurigo è venuta alla luce una testimonianza, una delle più antiche emerse in Europa, che risalirebbe al 3063 avanti Cristo. Si tratta di una porta in legno di oltre cinquemila anni, forse una delle prime costruite, conservata in condizioni straordinarie. Il manufatto si è preservato così bene che anche le maniglie di legno sono giunte integre.

Niels Bleicher, che dirige il Dipartimento per la preservazione dei monumenti di Zurigo, ha affermato che ci troviamo davanti a una delle più antiche porte mai scoperte in Europa. Alta un metro e mezzo e larga 88 centimetri e riferibile alla cultura Horgen, caratteristica di quell’area della Svizzera, la porta è stata costruita con legno di pioppo, tecnica che garantisce eleganza e solidità.

La porta faceva parte di un’abitazione edificata con pali in legno, massiccia, per proteggere dal vento freddo che soffiava dal lago di Zurigo. Infatti, le tracce individuate dagli archeologi mostrano che in quell’area c’erano almeno cinque insediamenti neolitici esistenti fra il 3700 e il 2500 avanti Cristo. Insieme alla porta sono venuti alla luce altri reperti interessanti, come un bellissimo arco da caccia e un pugnale di selce.

La cultura di Horgen è una delle numerose civiltà archeologiche sviluppatesi in Svizzera in età neolitica e prende il nome da una delle più importanti aree in cui sono state trovate le prime testimonianze. Il territorio interessato va dalla Svizzera settentrionale sino alla Germania sud-orientale, vicino al lago Costanza, ma potrebbe anche essersi esteso oltre. Quest’epoca è caratterizzata da un minor interesse per la ceramica, ma da una fiorente industria della selce, testimoniata dal ritrovamento di eleganti utensili in pietra, e importanti erano anche i maiali, vista la quantità di ossa trovate negli insediamenti.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*