Albenga: guida archeologica

Albenga si trova a 44 km da Savona in Liguria. I monumenti indubbiamente più rilevanti sono il Duomo e il Battistero che risalgono al V secolo d. C e si trovano all’interno della cinta muraria.

Battistero e Duomo

Il Battistero ha una pianta che conta dieci lati all’esterno e otto lati all’interno dove si alternano nicchie semicircolari e quadrate, ognuna di esse è contornata da colonne; queste sono in granito di Corsica e su di esse appoggiano gli archi che sostengono il tamburo che si estende tra 16 archi che poggiano su lesene (otto di queste sono monofore e hanno la terminazione circolare).

Una vasca ottogonale si trova al centro del pavimento dove trovano posto anche due tombe risalenti al VIII secolo d. C. Di fronte ad esse si può osservare un bellissimo su cui sono disegnati simboli cristiani: esso è inserito all’interno di una nicchia adiacente ad un’altra vasca pavimentale foderata in marmo.

Fuori le mura del Battistero troviamo una grande gradinata lunga più di 20 m e alcuni ambienti, probabilmente facenti parte di un edificio Romano (forse delle terme); su questo punto venne edificata la chiesa medievale dedicata a San Clemente.

Chiesa di San Calogero

Lungo la strada che porta ad Alassio, definita Via Iulia Augusta, si trova la chiesa di San Calogero che in origine era destinata al culto delle reliquie: la sua costruzione originaria si pensa che debba risalire al IV secolo d.C. ma con ogni probabilità venne rinnovata nel VIII secolo d. C. Essa conta tre navate su due ordini di pilastri e ha l’ingresso decentrato.

Anfiteatro

L’Anfiteatro si trova sul Monte San Martino e venne costruito durante il II secolo d. C. : non sappiamo molto di questo edificio se non che è probabile che il suo ingresso principale si trovasse sul lato maggiore.

Nella zona si trovano numerosi edifici funebri: la maggior parte hanno una pianta rettangolare e risalgono al I secolo d. C. Solamente uno ha una struttura a torre (con tre blocchi di grandezze decrescenti posti l’uno sull’altro) ed è chiamato Pilone.

Autore dell'articolo