Battaglie e guerre - articoli in archivio

  • La battaglia della “secchia rapita”

  • Ancora ai nostri giorni Bologna e Modena ricordano, nella tradizione popolare, la cruenta battaglia che la poesia ha trasmesso alla storia col nome di “Battaglia della Secchia rapita”, meglio conosciuta sui libri come la “Battaglia di Zappolino”, avvenuta il 15 novembre 1325. Fu uno degli ennesimi scontri che ormai da tempo vedevano lo schieramento sul campo dei Modenesi, di parte ghibellina, e dei Bolognesi, di fazione guelfa. Contesto storico L’inizio della contesa avvenne già circa un decennio prima, nel 1296, quando i Bolognesi riportarono diverse vittorie nel territorio modenese, sottraendo al loro controllo Bazzano e Savignano. Grazie all’appoggio della Santa

  • Guerre Daciche

  • Le Guerre Daciche L’imperatore Traiano condusse due campagne militari in Dacia (odierna Romania) nel 101-102 e nel 105-106. Le guerre furono riportate da Cassio Dione nel libro LXVIII della sua Storia Romana (1) e dallo stesso Traiano che, a somiglianza di Cesare, intese lasciare il ricordo delle sue imprese attraverso la composizione dei Commentarii de bello dacico. Quest’opera, che sarebbe stata fondamentale per la comprensione dell’intera guerra, per lo meno secondo l’ottica romana, è però andata perduta, tranne un solo brevissimo frammento riportato da Prisciano, un erudito del VI sec. d.C. Molte informazioni sono fortunatamente deducibili dalle raffigurazioni scolpite sulla

  • Battaglia di Farsalo

  • Luogo: Farsalo in Grecia Data: 9 agosto 48 a.C. Eserciti: guerra civile tra Gaio Giulio Cesare e Geno Pompeo Magno Esito: decisiva vittoria di Cesare La battaglia di Farsalo Il lungo e prolifico, infine fratricida, sodalizio tra Gaio Giulio Cesare (1), Gneo Pompeo Magno (2) e Marco Licinio Crasso (3), cominciò nel 70 a.C. quando questi ultimi due personaggi divennero consoli per Roma. I due avevano dimostrato notevole acume politico, ma assieme non avevano niente a che spartire, anzi sibillavano tra loro reciproche rivalse, per la loro antipatia che li divideva per le famiglie che rappresentavano. A quel punto, qualche

  • Battaglia di Torvjoll

  • Luogo: Piana di Torvjoll, Albania Data: 29 giugno 1444 Eserciti: Lega di Lezhe e Impero Ottomano Esito: vittoria della Lega albanese La battaglia di Torvjoll La situazione dell’Albania nel 1300 era caratterizzata da una totale supremazia dell’Impero Ottomano. Tornando indietro però, Bisanzio, premeva per conquistare l’Albania, le quali coste offrivano sia riparo che un concreto smercio mercantile. Fin dal 1200 il Despotato (1) d’Epiro (2) aveva delle forti influenze, motivo per cui ebbe notevoli nemici, e attraversava un’epoca d’oro di grande rilevanza storica. Infatti aveva pressioni d’ogni luogo: i Mongoli (3), l’Impero di Nicea (4), Bisanzio (5), la Repubblica di

  • Battaglia di Kutna Hora

  • Luogo: Kutna Hora (Repubblica ceca) Data: 21 dicembre 1421 Eserciti: Sacro Romano Impero, Ungheria e Hussiti Esito: vittoria hussita La battaglia di Kutna Hora Il Sacro Romano Impero (1) era un territorio talmente vasto da avere al suo intero forme libere di governo, tra cui i Tedeschi che di lì a 90 anni ottennero la supremazia in questo vasto terreno, portando inoltre anche a cambiare il nome in Sacro Romano Impero della Nazione Germanica (2). In quell’epoca la situazione vedeva Sigismondo del Lussemburgo (3) come imperatore e fervente religioso, tanto da non tollerare qualsivoglia forma di anarchia cristiana da parte

  • Battaglia di Eraclea

  • Luogo: Eraclea (Basilicata) Data: 280 a.C. Eserciti: Repubblica romana e Epiro Esito: vittoria di Pirro La battaglia di Eraclea Come sempre, poter descrivere una battaglia è possibile anche grazie al lavoro documentaristico degli storici del tempo, prevalentemente latini e greci, che fino ad oggi sono riusciti a tramandarci storie e resoconti delle battaglie e degli spostamenti militari dei vari popoli. In questo frangente bisogna fare riferimento soprattutto a Plutarco (1), personaggio che nella suddetta battaglia ha dato un apporto non indifferente per raccogliere materiale abbastanza da portar e un discorso unitario e particolareggiato. Vita di Pirro (2) è proprio il

  • Battaglia di Samarcanda

  • Luogo: Samarcanda (Corasmia, attuale Uzbekistan) Data: 17 marzo 1220 Eserciti: Mongoli e Musulmani corasmi Esito: vittoria mongola La battaglia di Samarcanda L’Impero Mongolo nella sua massima estensione Chi non ha mai sentito parlare di Samarcanda, affascinante città asiatica. Uno di quei borghi dove la fantasia si mescola alla realtà, trovando spazio per situazioni poco favorevoli agli storici moderni. Situata sulla famosa Via della seta (1), divenne luogo di una delle guerre meglio riuscite, tatticamente parlando, dell’intera storia mondiale. Al tempo era situata in Corasmia (2), un impero immenso ma poco duraturo, che ottiene la sua origine dalle varie e numerose

  • Battaglia di Megiddo

  • Luogo: Megiddo, Israele Data: 1470 a.C. circa Eserciti: Antico Egitto e Regione di Canaan Esito: significativa vittoria dell’Antico Egitto La battaglia di Megiddo Ubicazione della città di Megiddo Per poter delineare a pieno una battaglia così significativa come quella di Megiddo, primo vero ponte di lancio per Thutmose III (1) per portare l’Egitto alla sua massima espansione storica, bisogna prendere esempio dalle fonti antiche, sempre in seno alla patria delle piramidi. Come però è noto, ancora il metodo più diffuso per rendere omaggio alle gesta dei faraoni e degli eroi di patria, erano consono scolpire o dipingere direttamente sui templi,

  • Seconda guerra servile

  • Cartina della Sicilia romana La Seconda guerra servile (104-99 a.C.) Alcuni primi moti servili si ebbero nel 105 a.C. quando duecento servi da Capua e trenta da Nuceria Alfaterna fuggirono ma vennero giustiziati. Un terzo episodio è narrato da Diodoro Siculo: a Capua il cavaliere romano Tito Vezio si innamorò di una schiava di un ricco padrone. Concupita la fanciulla, volle riscattarla per una cifra enorme e, ottenendo una dilazione per il pagamento andò a vivere con lei. Una nuova proroga nella riscossione del denaro permise a Tito Vezio di comprarsi cinquecento armature da far indossare ai suoi schiavi. Il

  • Prima guerra servile

  • Statua di Euno al castello di Lombardia, Enna La prima guerra servile (136-132 a.C.) Il termine “guerra servile” indica uno scontro fra Roma e la massa di schiavi ribellatisi alle condizioni disumane in cui si trovavano gli schiavi tra II e I secolo a.C. Prima della guerra che ha dato il nome alle successive due rivolte servili ci sono stati altri scontri sociali a Setia (oggi Sezze, Lt) e in Etruria tra 198 e 196 a.C. e non sono mancate tensioni, in seguito al senatoconsulto che abolì i Baccanali nel 186 a.C., ed episodi di sommosse rurali soprattutto in Puglia