redazione - articoli in archivio

  • La scomparsa del professor Ehud Netzer

  • Si è spento il 27 ottobre 2010 il grande professor Ehud Netzer, per le ferite e i traumi interni riportati in seguito a una brutta caduta in un sito archeologico, nel corso degli scavi.

  • Porto Torres (Ss). Racconti da Turris

  • Sabato 9 ottobre 2010 presso il Parco Archeologico – Antiquarium Turritano si è tenuto l’evento “Racconti da Turris”, promosso dall’Università di Sassari in collaborazione con Multiservizi Porto Torres, L’Ibis, Turris Bisleonis, Musicando Insieme, Cantori della Resurrezione, Coro Polifonico Turritano, Sardinia Romana, Legio III Augusta, Giudicato di Torres e Intragnas.

  • Roma. Il Colosseo svela il Terzo anello e gli Ipogei

  • Il nostro “Venerdì di Archeorivista” si cala nella più viva attualità, l’apertura per la stampa e gli invitati, avvenuta il 14 ottobre 2010 al Colosseo, del Terzo anello chiuso da 40 anni e degli Ipogei finora inaccessibili.  Un vero evento, che evidenzia un importante successo dell’azione in profondità sull’archeologia romana, per farla uscire da un degrado endemico e metterla in sicurezza con interventi sistematici: programma inquadrato nella strategia di valorizzazione dei beni culturali che il ministro Bondi persegue con tenacia.

  • India. Scoperto il Koro, lingua sconosciuta

  • In una regione remota dell’India nord orientale, i linguisti di una missione del National Geographic hanno scoperta una lingua non scritta finora sconosciuta, il koro, facente parte della famiglia linguistica tibeto-birmana, che comprende 400 lingue e dialetti. Il koro è a rischio di estinzione poiché è parlata soltanto da circa ottocento persone, poche delle quali sotto ai vent’anni.

  • Padova. Il simbolo del Carro si rinnova

  • Venerdì 24 settembre 2010, dalle 21 alle 24, l’evento “Magica notte carrarese” ha chiuso con un gran finale l’”Estate Carrarese 2010”, iniziativa promossa dal Comune di Padova con l’intento di rinnovare un’identità perduta, esserne fieri e ritrovare la fedeltà a quello spirito. E proprio grazie al simbolo del Carro, emblema della Signoria, rappresentato nella Tempesta del Giorgione,  Padova è stata rilanciata come città d’arte, di innovazione, di scienza e di tecnologia.

  • Castenaso (Bo). Legiones in Agro Boiorum

  • Nell’ambito della cinquantacinquesima Festa dell’Uva di Castenaso, tenutasi sabato 18 e domenica 19 settembre, è stata organizzata la VI edizione della rievocazione storica “Legiones in Agro Boiorum”, un tuffo nella storia con l’evento legato all’ultimo scontro tra Galli Boi e legioni romane.

  • Padula (Sa). Chartusia Historie e Leggende

  • Sabato 25 settembre 2010 alle ore 19.30, in concomitanza con le Giornate Europee del Patrimonio, l’Associazione Pro Loco Padula organizzerà un viaggio di affabulazione figurato attraverso l’allestimento dell’imbandigione in onore di Carlo V. Il percorso teatrale si svolgerà negli ambienti più rappresentativi del monastero (Chiesa, Chiostro della Foresteria, Cappella del Fondatore, Sala del Capitolo, Chiostro Grande, Refettorio, Scalone monumentale, Loggia e Appartamento del Giardino del Priore).

  • Santa Marinella (Rm). Il progetto di ricerca di Castrum Novum

  • L’archeologo Flavio Enei, direttore del Museo del Mare e della Navigazione Antica di Santa Severa, dirige gli scavi presso il sito che ospita l’antico insediamento romano di Castrum Novum. Gli abbiamo chiesto di spiegarci in cosa consiste il progetto di ricerca.

  • Montale Rangone. Riaperta al pubblico la Terramare

  • Ha riaperto il 5 settembre 2010 il Parco della Terramare di Montale Ragone. In occasione dell’inaugurazione della stagione autunnale del museo all’aperto è stata riprodotta la fusione dei metalli attraverso l’ archeologia sperimentale, dimostrazione durante la quale gli esperti del Parco hanno mostrato al pubblico le tecniche impiegate nella terramare per fondere e forgiare il bronzo. Il Parco proporrà a grandi e piccini moltissime attività sperimentali dedicate alla vita quotidiana nell’età del Bronzo.

  • Bulgaria, Silistra. Riapre al pubblico la celebre tomba romana

  • Apre al pubblico dopo vent’anni la famosa tomba romana del quarto secolo dopo cristo del prezioso sito archeologico bulgaro della città di Silistra. La tomba è nota per i suoi affreschi e i suoi murales unici che testimoniano il passaggio dalla antica arte bizantina a quella altomedievale. Gli esperti pensano che la tomba appartenga a un magistrato romano e alla moglie.