Iraq. Il turismo rinasce grazie all’archeologia

Malgrado gli attentati che hanno sconvolto il Paese nell’ultimo anno, il turismo iracheno cresce: sono stati almeno un milione e mezzo i visitatori che nel 2010 hanno deciso di soggiornare nelle città dell’Iraq. I turisti provengono dall’Europa, dal Golfo Persico e dall’Asia. Le mete più visitate restano le città sante di Najaf, Kerbala e Samarra, frequentate soprattutto dai pellegrini sciiti. Inoltre, quest’anno è stata scoperta un’area archeologica di epoca sumerica a Nassiriya.

Autore dell'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.