Italia, Ragusa – ladri profanano il sito archeologico vicino al Museo di Kamarina

In seguito a una segnalazione giunta dalla sala operativa, i militari della compagnia di Ragusa hanno prestato il loro intervento sul sito archeologico limitrofo al Museo di Kamarina, presso Santa Croce Camerina.

Arrivati sul luogo del crimine, i finanzieri, dopo aver effettuato una veloce perlustrazione, hanno trovato diversi frammenti di creta facenti parte di un’anfora, abbandonati per terra, che credibilmente, i tombaroli avevano trascurato e frantumato.

La perizia, che è stata chiesta dalla Soprintendenza Beni culturali, ha verificato che il reperto sequestrato dai finanzieri è riconducibile a un’anfora di fattura greco-italica risalente al quarto secolo avanti Cristo: evidenti sono un pezzetto del fondo a forma di puntale cilindrico e altri vari pezzetti del corpo cilindrico.

La consegna dei reperti sequestrati al Museo archeologico di Kamarina è stata disposta dall’autorità giudiziaria.

Autore dell'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.