archeologia biblica - articoli in archivio

  • Israele, Gerusalemme. Forse individuata la tomba di Giuseppe d’Arimatea?

  • Presto il canale statunitense di Discovery Channel diffonderà un documentario che presenta la nuova scoperta del registra israelo-canadese Simcha Jacobovici, che sostenne di aver individuato il vero sepolcro di Gesù Cristo nell’area residenziale di Talpiot, fuori dalle mura della Città Santa. A ulteriore conferma di questa ipotesi, Jacobovici ritiene di aver scoperto nella stessa zona di Gerusalemme il sepolcro di Giuseppe d’Arimatea, colui che nei Vangeli inumò Cristo e che è protagonista della leggenda medievale del Santo Graal. Nel quartiere di Talpiot sarebbe quindi scoppiato quello che il regista-archeologo definisce il “Big bang della cristianità”. Qui, nove anno fa ha

  • Etiopia. Forse scoperta la miniera della regina di Saba

  • Hatshepsut riceve la Regina di Saba La Sacra Bibbia, nel primo Libro dei Re, narra di un viaggio compiuto circa 3000 anni fa da una regina, dal territorio di Saba fino alla città di Gerusalemme per incontrarvi il re Salomone. Della regina non si sa nulla, neanche quale fosse il suo nome, anche se è ricordata dagli etiopi con il nome di Machedà. I due sovrani s’innamorarono e concepirono un figlio da cui in seguito discese la stirpe dei reali dell’Abissinia. In occasione del loro primo incontro, la regina donò al re di Gerusalemme, trasportandoli sul dorso di cammelli, oro,

  • Nuovi indizi per svelare il mistero circa gli autori dei Rotoli del Mar Morto

  • Il mistero degli autori dei Rotoli del Mar Morto potrebbe essere risolto Era già noto che i Rotoli del Mar Morto potevano essere stati redatti, almeno in parte, da una setta chiamata “gli Esseni”, ma questa ipotesi ha subito un notevole impulso con il recente ritrovamento di circa 200 frammenti di tessuto avvenuto nelle grotte dell’area di Qumran, nell’area nota come “West Bank”, dove erano stati ritrovati i celebri rotoli. E visto che gli studiosi sono da sempre divisi su chi sarebbe il vero autore – o i veri autori – dei Rotoli del Mar Morto e sul modo in

  • Gerusalemme. Il tempio non fu edificato sotto re Erode

  • Una nuova scoperta a Gerusalemme ridata l’edificazione del Secondo Tempio. Infatti, sotto i basamenti del Muro del Pianto sono state rinvenute quattro monete romane che smentiscono l’ipotesi (fino a oggi ritenuta valida) secondo cui il tempio sia stato ingrandito e completato sotto re Erode. È quanto hanno confermato alcuni archeologi israeliani dopo aver verificato che le monete in bronzo furono coniate nel 17 dopo Cristo, quando la Giudea era guidata da Valerius Gratus, proconsole romano. E questo accadde vent’anni dopo la morte di Erode e prima di Ponzio Pilato. La scoperta avallerebbe la storia del generale e cronista ebreo Josephus

  • Israele, Gerusalemme. Scoperto un raro sonaglio d’oro dei Sommi Sacerdoti

  • Apparteneva a uno dei Sommi Sacerdoti del Tempio della Città Santa il rarissimo sonaglio in oro, con un anellino sulla sommità, ritrovato nel corso degli scavi archeologici effettuati nel canale di scolo che inizia dalla vasca di Shiloah e continua dalla Città di David sino al sito archeologico di Gerusalemme, nei pressi del Muro Occidentale. I lavori di scavo sono coordinati dalla Israel Antiquities Authority. Secondo Ronny Reich e Eli Shukron, i direttori degli scavi afferenti all’Università di Haifa, pare che il manufatto fosse appuntato su un indumento indossato da un alto funzionario a Gerusalemme verso la fine dell’epoca del

  • Turchia, Laodicea. Trovata la chiesa citata nel libro dell’Apocalisse

  • Nell’antica città di Laodicea, in Turchia, è stato identificato un edificio sacro grazie a un radar sotterraneo. Celal Simsek, direttore della spedizione archeologica turca, spiega che la chiesa, ritrovata in un buono stato di conservazione, risale all’età romana e occupava una superficie di duemila metri quadrati. Le indagini della spedizione archeologica coordinata da Simsek datano l’esistenza della città di Laodicea a partire dal quarto secolo avanti Cristo e confermano che diventò uno dei più importanti centri del cristianesimo primitivo attorno al 40-50 dopo Cristo e poi sede vescovile.

  • Etiopia. Spedizione italiana avrebbe localizzato le “miniere di Re Salomone”

  • Gli archeologi italiani Angelo e Alfredo Castiglione avrebbero localizzato in Etiopia le miniere di re Salomone, note per la loro ricchezza. I due ricercatori avrebbero documentato la scoperta con un filmato presentato durante l’ultima giornata della Rassegna del Cinema Archeologico tenutasi a Rovereto.

  • Gerusalemme. Confermato: la Città Santa è l’antica Urusalim cananea

  • Secondo quanto riportato dall’Osservatore Romano Gerusalemme sorgerebbe sulle vestigia dell’antica Urusalim cananea, la cui localizzazione sul lembo meridionale del colle a est della Città Vecchia è confermata.

  • Turchia, Ankara. Trovata l’arca di Noe?

  • La stampa turca ha recentemente riportato una notizia che racconta del ritrovamento da parte di un’equipe di ricercatori turchi e cinesi della biblica Arca di Noè. Yang Ving Cing, documentarista cinese e membro della spedizione, ha affermato di aver trovato un’antica struttura di legno sul Monte Ararat, a quattro mila metri di altitudine, nella parte orientale della Turchia e vicino al confine con l’Iran.

  • Israele, Gerusalemme – Scoperte le mura del tempo di re Salomone

  • Nel corso degli scavi condotti da Eilat Mazar e patrocinati dall’Università di Gerusalemme è venuto alla luce un tratto dell’antica muraglia della città di Gerusalemme databile al decimo secolo avanti Cristo e probabilmente edificato durante il regno del biblico re Salomone.