archeologia orientale - articoli in archivio

  • Cina, Fengcheng. Tombe restituiscono porcellane di tipo Celadon

  • Emergono a a Fengcheng, nella Provincia di Jiangxi, in Cina, oltre cinquanta resti di reperti in “Celadon” – la classica porcellana a vetrinatura verdina creata nella regione di Yue dai vasai cinesi nel secondo secolo. La scoperta è avvenuta nel corso di una campagna di scavo, iniziata ad agosto, su alcune sepolture. Inizialmente, lo scavo aveva scoraggiato i ricercatori poiché alcune tombe erano state quasi completamente saccheggiate, ma in seguito si è rivelato molto promettente. Infatti, da una serie di sei sepolture ben protette e quasi intatte è emerso un gruppo di porcellane in buone condizioni di conservazione. Le tombe

  • Vietnam. Scoperta muraglia difensiva simile al Vallo di Adriano

  • Nella lontana regione del Vietnam centrale , i ricercatori hanno ritrovato una muraglia che corre attraverso montagne antiche, in mezzo a foreste fluviali e villaggi delle tribù montane, e rappresenta il più lungo monumento mai scoperto nel sud-est asiatico. La scoperta era stata annunciata all’inizio del secolo da Andrew Hardy, direttore della sede di Hanoi della Scuola francese dell’Estremo Oriente e da Nguyen Tien Dong, dell’Istituto di Archeologia vietnamita.

  • Cina. Trovata una pentola con resti di zuppa di 2400 anni fa

  • Per la prima volta nella storia dell’archeologia cinese è stata ritrovata una zuppa contenente delle ossa. Durante i lavori di ristrutturazione dell’aeroporto, all’interno di una tomba nell’area occidentale dell’ex capitale cinese di Xian, moderna prefettura della provincia di Shaanxi, un’equipe di ricercatori cinesi ha scoperto una pentola di bronzo contenente i resti di una zuppa cucinata 2400 anni fa.

  • Cina – I cavalli dell’esercito di terracotta erano “castrati”

  • La maggior parte dei cavalli del cosiddetto esercito di terracotta che montava la guardia al mausoleo di Quin Shi Huang, primo imperatore della dinastia Qin tra il 221 e il 207 avanti Cristo erano “castrati”. Autore della scoperta è l’archeologo Yuan Jing dell’Accademia cinese di Scienze sociali.

  • Cina, Pechino – Individuata la tomba del generale Cao Cao?

  • Un team di archeologi cinesi, diretto dallo studioso Pan Weibin, ha annunciato di avere individuato una monumentale tomba risalente al III secolo d.C. e si ritiene potrebbe trattarsi della sepoltura del celebre generale Cao Cao. La rilevante scoperta è stata fatta nella provincia di Henan, in una zona a poca distanza dal villaggio di Xigaoxue, nei pressi dell’antica città di Ayang. Secondo quanto riportato da fonti di stampa cinesi, la tomba conserva i resti di un uomo dall’apparente età di circa 60 anni e questo sarebbe compatibile con quella che aveva il celebre politico al momento della sua morte: 66

  • Siria – Archeologi italiani scoprono 4 tombe di 4.500 anni fa nel deserto della Palmirena

  • Grazie alla collaborazione tra gli archeologi dell’Università di Milano e dell’Università di Udine con quelli della Direzione generale delle antichità e dei musei di Siria sono stati ritrovati nella parte centro-occidentale della Siria quattro tumuli funerari monumentali databili alla seconda metà del terzo millennio avanti Cristo.

  • Siria, Tell Qabr – Archeologi spagnoli scoprono una città dimenticata

  • La spedizione archeologica galiziana promossa dall’Università della Coruna e diretta dal Jean Luis Montero ha dato esiti positivi: infatti, l’equipe di archeologi ha scoperto sulle sponde del fiume che con il Tigri ha determinato la nascita della civilizzazione in Mesopotamia, nell’enclave siriana di Tell Qabr, una città dalla pianta circolare e risalente al 2600 a.C., che è già stata soprannominata dal città resuscitata dell’Eufrate. La scoperta consiste esattamente in due giacimenti corrispondenti a un periodo che va dal quarto millennio sino al primo millennio a.C.

  • Intervista a Lucia Alberti dell’ICEVO

  • L’ICEVO (Istituto di studi sulle Civiltà dell’Egeo e del Vicino Oriente) del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) (già Istituto di Studi Micenei ed Egeo-Anatolici) è stato fondato nel 1968 (con il nome attuale dal 2001) ed è diviso in due sezioni: la sezione egea e quella vicino-orientale. Le sue competenze riguardano l’archeologia della Grecia protostorica, della Turchia e dell’area vicino-orientale, la filologia micenea, l’Hittitologia, l’Hurritologia, l’Urartologia, l’Assiriologia. Abbiamo intervistato per voi Lucia Alberti, Ricercatrice presso l’ICEVO.

  • Siria, Qatna – Scoperta una importante tomba nel Palazzo Reale

  • Un gruppo di studiosi dell’Università tedesca di Tubinga e del Museo regionale del Wuerttemberg hanno scoperto in Siria, all’interno del palazzo reale di Qatna, una tomba contenente le spoglie mortali di circa trenta persone e relativi corredi funerari risalenti a 3500 anni fa. La tomba, che si presenta intatta, appartenne a una famiglia reale o ad alti funzionari della corte.

  • Israele – Straordinaria scoperta numismatica in Giudea

  • Una squadra composta da ricercatori provenienti dall’Università Bar Ilan e dall’Università di Gerusalemme ha scoperto in una grotta la più grande raccolta di monete rare databili all’epoca della rivolta ebraica di Bar-Kokhba contro i Romani (secondo secolo e.v.). Il ritrovamento è stato effettuato nell’ambito di un più ampio progetto di ricerca e di mappatura delle grotte diretto da Amos Frumkin e Boaz Langford della Cave Research Unit afferente al Dipartimento di geografia dell’Università di Gerusalemme con la collaborazione di Hanan Eshel e Boaz Zissu dell’Università Bar Ilan e con il supporto della Israel Nature and Parks Authority.